Atuttapagina.it

Frosinone, Ottaviani incontra le suore Agostiniane

Questa mattina il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani è stato ospite dei bambini, delle loro famiglie e del personale docente della scuola per l’infanzia “San Giuseppe” della Casa delle Suore Agostiniane in via Tiburtina.
Il primo cittadino è stato invitato per ricevere i ringraziamenti a seguito dell’emanazione dell’ordinanza sindacale che ha soppresso il capolinea del gestore del servizio di trasporto extraurbano presso il quale stazionavano i pullman che creavano oggettivi problemi e disagi ai frequentatori della scuola, in ordine alla salute per il ristagno dei gas di scarico, e alla sicurezza.
«Non abbiamo fatto altro – ha detto il sindaco Nicola Ottaviani – che fare ciò che dovrebbe fare un amministratore coscienzioso, ovvero adottare quei provvedimenti finalizzati a migliorare la qualità degli ambienti che viviamo e a risolvere i problemi dei cittadini. Con questa ordinanza abbiamo posto fine a un problema che si trascinava da troppi anni e vedere oggi i volti sorridenti dei bambini, dei loro genitori e del personale docente è per me, come amministratore e padre di famiglia, motivo di orgoglio». «Nella nostra città – ha continuato il sindaco – c’è un problema serio di concentrazione delle polveri sottili dannose per la salute e stiamo lavorando senza sosta per trovare soluzioni a lungo termine per il risanamento dell’aria, impresa tuttavia non semplice visto il profilo orografico del nostro territorio che non favorisce un ricambio dell’aria. Nell’immediato abbiamo dovuto adottare i provvedimenti del blocco del traffico che sono atti dovuti, che non potevamo non prendere, in quanto imposti da una legge regionale. Stiamo lavorando a un piano di mobilità che prevede l’individuazione di tre stalli per i mezzi del trasporto extraurbano, in maniera tale che non entrino più nella cerchia urbana con evidente giovamento per l’aria e il traffico. Sono allo studio altre soluzioni tecniche, per le quali abbiamo già chiesto e continueremo a sollecitare un sostegno economico della Regione, che sono tese ad abbattere i livelli di pm10 che dipendono per un 30% dai gas di scarico degli automezzi e per un 70% da residui di combustione civile ed industriale». «Il nostro impegno – ha concluso il sindaco – per il miglioramento della qualità dell’aria sarà costante ed attento, come dimostrato da questa ordinanza».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni