Atuttapagina.it

Frosinone, una denuncia della Polizia locale

La maggiore presenza della Polizia locale sul territorio frusinate da un lato riscuote consenso e apprezzamento da parte di quei cittadini che vedono nel rispetto delle regole l’unica strada percorribile per una convivenza civile e democratica, dall’altro viene osteggiata da chi tenta di ostacolare questo processo virtuoso di un nuovo approccio  con il cittadino.
Pochi giorni fa nel Capoluogo ciociaro un cittadino della provincia, a Frosinone per affari personali, è stato multato da un operatore di Polizia locale per aver parcheggiato la propria auto in divieto di sosta nella zona alta di Frosinone. L’uomo, un cinquantenne libero professionista di Isola del Liri, accortosi della multa, ha aggredito verbalmente l’operatore di Polizia locale, proferendo nei sui confronti e di quelli del Corpo della Polizia locale epiteti offensivi  di inaudita gravità.
L’operatore della Polizia locale, a seguito della violenta aggressione verbale, ha accusato un lieve malore, che ha consentito al professionista di allontanarsi indisturbato dal luogo dell’accaduto. Dopo essere stato soccorso l’ispettore ha redatto immediatamente la relazione di servizio su quanto accaduto ed è stata avviata una serrata attività di verifica dell’accaduto.
Il professionista è stato, quindi, invitato presso i locali della Polizia locale per essere sentito come persona informata sui fatti. Dalle dichiarazioni rilasciate sono emerse palesemente le sue responsabilità e quindi, interrotto l’atto, è stato notificato allo stesso di nominare un avvocato in quanto sarebbe stato ascoltato in qualità di indagato. Al termine della mattinata l’uomo è stato denunciato all’autorità giudiziaria competente per il reato di oltraggio al Corpo della Polizia locale e segnalato per le ipotesi di reato di ingiuria nei confronti dell’ispettore della Polizia locale e di falsa attestazione resa ad un pubblico ufficiale sulla identità personale.
«Le attività di controllo – ha detto il comandante della Polizia locale di Frosinone, colonnello Carlo del Piano – proseguono senza sosta con l’obiettivo dichiarato di far comprendere a tutti che solo osservando le regole, attraverso il rispetto delle persone e delle cose, si può pretendere di essere rispettati e che non verranno fatti sconti a chi pretende di vivere in una comunità senza rispettarne le regole». (Ufficio stampa Comune di Frosinone)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni