Atuttapagina.it

Liri, situazione in miglioramento

Il fiume Liri non smette di allarmare i paesi e le terre attraverso cui scorre, ingrossato com’è dalle piogge di questi giorni. Nelle ultime ore, a causa dei forti rovesci, ha rotto gli argini a Pignataro Interamna e San Giorgio a Liri. L’esondazione è avvenuta nel corso della notte tra domenica e lunedì e durante la mattinata di ieri. Si stimano danni per l’agricoltura e i volontari della Protezione Civile monitorano la situazione, perché alcune abitazioni sono tuttora insidiate dall’acqua. Oltre alla Valle dei Santi, altre zone sono minacciate dalla pioggia battente che ingrossa i corsi d’acqua, anche a nord della Ciociaria. A Trevi nel Lazio, ad esempio, l’Aniene ha rotto gli argini nella zona di Ponte delle Tartare.
Tornando al fiume Liri, invece, a Sora ieri il suo livello era pari a 1,88 metri. La situazione va però migliorando, progressive schiarite hanno reso meno insidiosa la piena rabbiosa del fiume. Nel territorio di Isola del Liri, a scopo precauzionale, la Protezione Civile e i volontari hanno rimosso tronchi e materiali che ingombravano il letto del corso d’acqua e la ditta privata che gestisce le centrali ha provveduto a rimuovere copiosi depositi alluvionali a valle dei ponti. Gli abitanti tirano un sospiro di sollievo, sperando nelle provvidenziali schiarite. (Paola Polselli)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni