Atuttapagina.it

Clini: «Decisione incomprensibile del Tar Lazio»

Corrado Clini non ci sta. Il ministro dell’Ambiente non ha accolto con favore l’ordinanza di sospensione del decreto che porta il suo nome emessa questa mattina dal Tar del Lazio. Il Tar ha bocciato il decreto, che aveva stabilito lo smaltimento dei rifiuti solidi della Capitale in alcuni tmb della regione, tra i quali quello di Colfelice.
In un comunicato sul sito del Ministero Clini è durissimo: «Il rischio dell’emergenza rifiuti a Roma è stato notificato a partire dal DPCM del 22 luglio 2011 ed è singolare che il Tar non se ne sia accorto. I dati sono chiari e pubblici. Sulla base dei dati l’unica possibilità che Roma sia autosufficiente – come ritiene il Tar – sta nella continuazione del conferimento di rifiuti non trattati a Malagrotta. Non posso credere che il Tar abbia consapevolmente deliberato di proseguire in una pratica sanzionata da una procedura di infrazione comunitaria e contraria alla legge. Ricorrerò immediatamente al Consiglio di Stato. E faccio presente che gli accertamenti svolti dal Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri, che sono organo di polizia giudiziaria, possono essere contestati solo attraverso una querela di falso». (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni