Atuttapagina.it

Frosinone, il Conservatorio attende i lavori

«Il 2 febbraio crollò, sotto il peso della neve, la copertura del Chiostro del Conservatorio Licinio Refice. A un anno di distanza le macerie sono ancora lì che aspettano di essere sgombrate e smaltite.
Dovrebbe essere questione ancora di poco: sono state completate, infatti, le perizie disposte dalla Procura della Repubblica di Frosinone per accertare eventuali responsabilità del cedimento della struttura e per appurare se esso sia stato causato da difetti o imprudenze di costruzione e progettazione ancor più che dall’eccezionalità della nevicata.
Il 16 dicembre 2012 il capo della Procura di Frosinone, rispondendo in via definitiva a una nostra richiesta del 15 novembre 2012, ci ha comunicato che, ormai esaurite tutte le indagini, si sarebbe potuto procedere al ripristino dell’area. Dell’autorizzazione abbiamo informato l’Amministrazione provinciale (che dal canto suo aveva inviato al Magistrato nelle settimane precedenti i risultati delle proprie perizie, svolte in quanto ente proprietario in comodato dell’edificio), che ha indetto una gara per il recupero e la riparazione di immobili di sua competenza danneggiati dalla neve. La Gara scadrà il prossimo 8 febbraio e individuerà l’impresa alla quale verranno assegnati i lavori. Già da adesso, comunque, segnaliamo la priorità dell’intervento sul Chiostro del Conservatorio, l’edificio pubblico che dalla nevicata di un anno fa ha subito sicuramente il danno più grave.
Il Conservatorio ha la disponibilità in bilancio, per un finanziamento erogatogli tempestivamente dalla Direzione Generale dell’AFAM, della somma necessaria per la ricostruzione della copertura e il recupero dell’intero Chiostro, così da poterlo presto restituire a quella funzione pubblica alla quale da alcuni anni era stato destinato, diventando luogo di incontro aperto non solo alle attività del Conservatorio, ma a tutte le migliori iniziative sociali, culturali e artistiche della città e della provincia.
Noi continueremo a sorvegliare che tutto sia fatto nei tempi più rapidi possibili; ora che l’indagine della Magistratura è stata completata e il quadro delle responsabilità è certamente più chiaro, l’urgenza è quella di restituire il Chiostro ai nostri studenti, ai docenti, a tutta la città».
Direttore Antonio D’Antò
Presidente Tarcisio Tarquini

Nella foto il Chiostro prima del crollo della copertura

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni