Atuttapagina.it

Sisma, esami sulla torbidità dell’acqua

Sono stati effettuati nella mattinata di oggi i prelievi al campo pozzi di Posta Fibreno per effettuare le analisi di riscontro dopo che, a seguito dell’evento sismico che ha interessato il centro della provincia di Frosinone nella serata di sabato, si era verificato un fenomeno di torbidità, fatto che aveva indotto il gestore idrico a sollecitare i Comuni interessati ad emanare ordinanze di uso per fini esclusivamente igienici dell’acqua.
I comuni interessati dal fenomeno sono: Broccostella, Castelliri, Frosinone, Isola del Liri, Posta Fibreno, Sora, Vicalvi, Arpino, Asl Distretto “D” Sora, Asl Distretto “C” Frosinone; altri comuni alimentati parzialmente dagli impianti di Posta Fibreno, ma ugualmente coinvolti sono: Arnara, Boville Ernica, Ceccano, Ripi, Strangolagalli, Veroli, Torrice, Pofi, Fontechiari.
Già da ieri per fronteggiare le prime emergenze Acea Ato 5 S.p.A. aveva predisposto l’invio di quattro autobotti a Frosinone, una a Sora, una a Isola del Liri e una a Castelliri.
Peraltro dal pomeriggio di ieri il fenomeno di intorbidimento era in forte riduzione, fino a scomparire del tutto in serata. La procedura prevede che, per poter chiedere a tutti i sindaci la revoca delle ordinanze che limitavano l’uso dell’acqua a fini esclusivamente igienici, c’è bisogno di nuove analisi che accertino lo stato di perfetta potabilità, per poter rientrare così nella normalità della erogazione idrica. Nuove verifiche analitiche sono attualmente in corso con specifici prelievi.
Nel contempo, ulteriori controlli effettuati dai tecnici Acea su tutti gli impianti hanno escluso danni di qualsiasi natura e la situazione è al momento perfettamente regolare sotto l’aspetto impiantistico.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni