Atuttapagina.it

Amministrative 2013, come si vota

Per il rinnovo dei Consigli comunali si voterà domani dalle 8 alle 22 e lunedì dalle 7 alle 15, previa presentazione di un documento di riconoscimento in corso di validità e della tessera elettorale personale a carattere permanente.

Comuni con popolazione fino a 15.000 abitanti
La scheda, di colore azzurro, recherà nome e cognome dei candidati alla carica di sindaco, affiancati dal contrassegno della lista cui il candidato è collegato. L’elettore può votare:
– per una delle liste, tracciando un segno sul relativo contrassegno;
– per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo nominativo;
– per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo nominativo, e per la lista collegata, tracciando un segno anche sul relativo contrassegno. Il voto si intenderà comunque attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista che lo appoggia.

Comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti
La scheda, di colore azzurro, recherà i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, posti entro un apposito rettangolo, al cui fianco sono riportati i contrassegni della lista o delle liste cui il candidato è collegato.
L’elettore può votare:
– per una delle liste, tracciando un segno sul relativo contrassegno (il voto così espresso si intende attribuito anche al candidato sindaco collegato);
– per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, omettendo di scegliere una o l’unica lista collegata (il voto così espresso si intende attribuito solo al candidato alla carica di sindaco);
– per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste collegate, tracciando un segno sul relativo contrassegno (il voto così espresso si intende attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista collegata);
– per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una lista non collegata, tracciando un segno sul relativo contrassegno (il voto così espresso – definito “voto disgiunto” – si intende attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista non collegata).
Per l’eventuale ballottaggio, che si svolgerà in caso di mancato raggiungimento del 50% delle preferenze di ciascun candidato, si tornerà alle urne domenica 9 e lunedì 10 giugno: in quella circostanza si esprimerà la preferenza tracciando un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato sindaco prescelto. (Paola Polselli)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni