Atuttapagina.it

Frosinone, alla (ri)scoperta del fiume Cosa

Saremmo quasi sicuramente dei perdenti, se limitassimo l’attenzione ad una sola manifestazione e non continuassimo a parlarne, ad insistere, con la denuncia incessante e con quella determinazione di chi il fiume Cosa vuole viverlo intensamente, sempre e ad ogni costo. Noi di “Frosinone Bella e Brutta” è da anni che cerchiamo di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e degli amministratori sulla riscoperta, valorizzazione e fruibilità del fiume Cosa. Dopo il successo ottenuto con la camminata di domenica 28 aprile, alla quale hanno partecipato un centinaio di cittadini, rimasti entusiasti ma direi anche allibiti dalle bellezze naturali nascoste nel parco abbandonato, continueremo a parlarne, a prendere iniziative, finché gli amministratori non ci inviteranno per decidere, tutti insieme, il futuro di tale preziosa risorsa naturale. Già venerdì, alle 20:30, terremo un meeting nel ristorante pizzeria “Re di Cuori”, ai Cavoni, che condivide e sostiene il nostro progetto. Lo terremo con i cittadini che hanno partecipato alla camminata sul Cosa, con i nostri Soci e chiunque altro vorrà dare un proprio contributo. E raccoglieremo dai partecipanti proposte, suggerimenti ed idee. Per maggiori informazioni sull’evento si può cliccare qui o telefonare al numero 329.0483485. Inoltre, domenica collaboreremo con l’associazione Zerotremilacento ed il Centro Diurno Orizzonti Aperti. Infatti, rispettivamente dalle 10 (primo turno) e 10:30 (secondo turno) faremo una visita guidata, dal ponte sul Cosa in via Ciamarra, verso i campi e gli orti di città che vengono coltivati a Valle Fredda. Tale valle è collocata tra via Firenze, via Lecce e via America Latina. Durante il percorso ci saranno performance degli studenti del Liceo Artistico, biodanza con studenti del Liceo Pedagogico ed installazioni varie. Sarà interessante condividere come potrebbe essere ripristinato l’antico sentiero di comunicazione che da via Firenze portava fino al ponte sul fiume di via Ciamarra, in modo che i cittadini possano passeggiare nel verde, tra gli orti e magari, quando saranno recuperati alla coltivazione i terreni ancora abbandonati, comprare prodotti orticoli. Vi aspettiamo numerosi per godere di una esperienza molto interessante. Vi ricordiamo, inoltre, che fino al 25 maggio ci sarà un susseguirsi di appuntamenti sul tema. (Luciano Bracaglia – presidente dell’Associazione Frosinone Bella e Brutta)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni