Atuttapagina.it

Frosinone, sequestrata una villa per abuso edilizio

Brillante operazione degli operatori della Polizia Locale di Frosinone nelle prime ore di mercoledì: sequestrata una villa faraonica per abuso edilizio.
L’area in oggetto, dove è ubicato lo stabile, nel 2004 è stata sottoposta a sequestro perché in corso vi erano lavori di realizzazione di un cemento armato senza permesso di costruire.
Successivamente l’area, in esecuzione di una sentenza del Tribunale di Frosinone, è stata dissequestrata.
Nel 2012 è stato rilevato che, in forza di una concessione in sanatoria, erano in corso lavori per la ristrutturazione di un deposito agricolo, la realizzazione di una recinzione del lotto di proprietà del vecchio manufatto, scavo di fondazione e parziale realizzazione di un magrone di fondazione.
Il Comune di Frosinone ha poi provveduto a notificare ai proprietari, una nota famiglia ex rom di Frosinone, la sospensione dei lavori.
La numerosa famiglia, con molteplici segnalazioni da parte delle diverse forze di Polizia e con un tenore di vita elevatissimo, ha proseguito nella sua opera di realizzazione di una villetta faraonica, con piscina, bagni rivestiti con marmi preziosissimi e rubinetteria d’oro.
Infine gli operatori della Polizia Locale mercoledì scorso hanno sequestrato l’intero complesso e denunciato la proprietaria alla locale Procura della Repubblica perché in assenza del prescritto permesso di costruire, per aver eseguito opere in c.a. in assenza di valido progetto e senza aver fatto preventiva denuncia agli uffici competenti, per aver omesso di dare preavviso alle autorità dei lavori, ricadenti in zona sismica, e per aver iniziato tali lavori senza preventiva autorizzazione. (Ufficio Stampa Comune di Frosinone)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni