Atuttapagina.it

La fantastica stagione della IHF Volley

Con la sconfitta in gara 2 della semifinale play-off contro la Siamo Energia Ornavasso la IHF Volley chiude una stagione indimenticabile, piena di gioie, di soddisfazioni ed anche di qualche lacrima dovuta alla mancata promozione in Serie A1.
Questa è stata comunque una stagione che rimarrà nella mente di molti. Nonostante le difficoltà e gli infortuni di inizio campionato, la IHF Volley è stata autrice di un girone di ritorno strepitoso: oltre a non aver perso mai in campionato, ha vinto la Coppa Italia nella finale di Varese.
La IHF Volley è stata definita come la formazione che “incuteva timore”: con ben 15 partite vinte consecutivamente tra campionato e play-off la compagine del presidente Iacobucci era la favorita per la promozione in A1.
Durante la seconda parte della regular season la IHF Volley è stata l’assoluta protagonista, tutte le avversarie hanno perso punti importanti contro le laziali ed anche la stessa Ornavasso, che ha avuto la meglio nelle semifinali play-off, in campionato non ha avuto vita facile contro Campanari e compagne.
Il rammarico più grande rimane quello di non essere riusciti a conquistare il terzo posto in classifica, che avrebbe di sicuro evitato un grande dispendio di energie dovuto ai quarti di qualificazione play-off e che ha penalizzato la IHF Volley contro Ornavasso: le avversarie infatti hanno avuto una settimana in più per prepararsi al meglio.
La potenza del roster frusinate è testimoniata dai 2000 punti messi a segno tra campionato e play-off. Seguono poi la Riso Scotti Pavia con 1911 punti ed Ornavasso con 1909. Anche i risultati individuali di ciascuna atleta sono da considerarsi eccellenti: Sonja Percan è stata la seconda miglior realizzatrice di questo campionato con ben 553 punti (prima Koleva della Sanitars Metalleghe Mazzano); Campanari con 331 punti e Spataro con i suoi 304 si sono classificate tra le centrali migliori della categoria; tra le più abili anche la schiacciatrice Astarita, che ha firmato ben 228 punti. Tra le migliori in assoluto nel suo ruolo ed in grado di recuperare palle impossibili è il libero Jole Ruzzini, che firma la miglior ricezione 2012/2013 con l’81% di positiva e il 57,3% di perfetta. Ottimo campionato anche per il martello croato Matea Ikic, che dopo aver recuperato dall’infortunio alla caviglia, è stata una delle schiacciatrici più temute a rete con ben 273 punti ed anche in ricezione ha svolto una notevole prestazione. Buona anche la regia di Valeria Zanin, che ha trovato subito l’intesa con le sue compagne: i palleggi fluidi hanno permesso di mettere a terra palle importanti. Rivelazione al suo primo esordio in serie A2 è Emanuela Fiore, la giovane atleta originaria di Priverno si è mostrata fin da subito all’altezza della categoria, così come la palleggiatrice Francesca Bonciani, che coach Martinez schierava con Fiore nei momenti caldi di ogni match. Buone anche le prove di Centi e Flammini, che hanno contribuito a rendere questa stagione indimenticabile.
Questi risultati sono frutto del duro lavoro che coach Martinez, aiutato da Despaigne, ha svolto quotidianamente in palestra e sul campo, lavoro che ha contribuito a far risuonare il nome della IHF Volley in ogni palasport d’Italia.
La formazione del presidente Iacobucci ha raggiunto un altro importante traguardo ed è quello di tutti i tifosi che quest’anno sono intervenuti ad ogni match per sostenere la IHF Volley: sono stati davvero tanti ed a loro va un ringraziamento speciale. Arrivederci al prossimo anno! (Chiara Bianchi – Ufficio Stampa IHF Volley)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni