Atuttapagina.it

Conto alla rovescia per il mito del Liri Blues

Come ogni anno ritorna il fascino del Liri Blues, storico evento di lunga tradizione nonché rassegna blues tra le più valide e conosciute nel panorama europeo. Il Liri Blues Festival (qui la pagina facebook), la cui prima edizione risale al lontano 1988 e che ormai festeggia il suo 26° compleanno, rappresenta una manifestazione altamente qualificante per la cultura locale. I cantanti e i musicisti che hanno calcato il suo palco nel corso degli anni, infatti, hanno attirato folle di appassionati da tutta Italia e da molti Paesi europei e la  cittadina di Isola del Liri – lo ricordiamo – è dal 1997 gemellata con l’affascinante New Orleans, città del blues.
Anche quest’anno il palco di piazza De’ Boncompagni accoglierà musicisti tra i più virtuosi, per un totale di tre giorni ad alto tasso artistico. Il 6 luglio si esibirà Jacqui McShee, cantante inglese folk rock e fondatrice del gruppo Pentangle. Il 7 luglio sarà la volta di Janiva Magness, “stella blu” secondo il quotidiano statunitense USA Today. L’8 luglio, infine, salirà sul palco il bluesman Lucky Peterson, notevole esponente del blues contemporaneo.
L’occasione del mitico festival si affianca al progetto “Blues on the road”, esibizioni “da strada” che vedranno impegnati band e singoli musicisti dal tardo pomeriggio fino all’ora dei concerti, per ognuno dei tre giorni della manifestazione. Il Liri Blues non manca di intrecciare il proprio percorso artistico con la solidarietà, come ha sempre fatto: quest’anno l’Unicef ha espresso la sua piena adesione – mai accordata con leggerezza e quindi tanto più ragguardevole – al progetto blues isolano. La partnership solidale sembra esprimere un profondo significato simbolico: la stretta connessione tra la musica e la collaborazione tra i gruppi umani. Condivisione e cultura, dunque, per un omaggio globale alla vita.
La parola “blues” riconduce alla mente immagini tristi e dolenti, tutta la saudade dei “diavoli blu” che contristano la gente dall’altra parte dell’Atlantico e che si traducono o si sublimano in note musicali. Da molti anni, però, il Liri Blues regala un’atmosfera che niente ha di malinconico o afflitto: anzi, impregna di sé ogni strada e ogni scorcio della graziosa città, con una travolgente vivacità che fa onore alla nostra terra. (Paola Polselli)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni