Atuttapagina.it

Montecassino, Dom Vittorelli si è dimesso

Dom Pietro Vittorelli ha annunciato le proprie dimissioni da Abate di Montecassino e da Ordinario davanti alla comunità monastica e diocesana.
Nella austera cornice della Sala del Capitolo monastico nell’abbazia di Montecassino, l’Abate e Ordinario di Montecassino ha reso nota la sua decisione, presa per motivi di salute. Ha voluto personalmente rendere ufficiale ai suoi monaci e ai sacerdoti della curia diocesana la propria decisione di lasciare l’incarico di Abate del monastero e di Ordinario diocesano. Ha, inoltre, letto il decreto della Congregazione dei Vescovi che nomina come Amministratore Apostolico il Rev.mo Augusto Ricci Osb, Priore del Sacro Speco di Subiaco, al quale sono attribuite, fino a quando il nuovo Abate che sarà eletto non prenderà possesso canonico dell’Abbazia, diritti, facoltà e compiti che competono, a norma di legge, agli Ordinari Diocesani secondo quanto stabilito dal “Direttorio per il ministero pastorale dei vescovi”.
Un breve commosso intervento del Priore di Montecassino Dom Giuseppe Roberti ha accolto le parole dell’Abate; egli ha detto che «questo è il momento della croce, ma al venerdì santo segue sempre e comunque l’alba della resurrezione; noi diciamo il nostro Fiat e confidiamo nella protezione materna di Maria». Nel ringraziare poi il Padre Abate ha aggiunto: «Non è retorica dirle grazie, soprattutto per la sua dedizione, non si è risparmiato mai. Le vogliamo bene, ha concluso, Montecassino resta la sua casa e lei può sempre contare su di noi».
Anche il Vicario diocesano Monsignor Fortunato Tamburrini ha voluto esprimere, anche a nome del presbiterio diocesano, la volontà di obbedienza alla volontà di Dio e il sentimento di gratitudine per tutto il cammino percorso in questi anni. «Chiediamo perdono – ha aggiunto – se qualche volta abbiamo disatteso le sue aspettative, le siamo sempre vicini e la ringraziamo».
Conclusa la preghiera con il canto e la benedizione, la piccola assemblea si è sciolta, dominata da un forte senso di commozione. Al termine ognuno ha potuto salutare personalmente l’Abate emerito Pietro Vittorelli, che è apparso commosso anche lui, ma determinato e sereno per aver «a lungo meditato e pregato» prima di prendere questa decisione.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni