Atuttapagina.it

Videocon, verso l’accordo di programma

«La Regione Lazio finanzierà l’accordo di programma per lo sviluppo industriale della provincia di Frosinone con i fondi europei POR-FERS 2007-2013 e questo consentirà di intervenire sulla continuità lavorativa del personale  della Videocon, che ormai si trova vicino alla scadenza del periodo di cassa integrazione». Ad annunciarlo è Daniela Bianchi del gruppo “Per il Lazio”, intervenuta all’assemblea dei lavoratori della VDC, riuniti stamattina presso il salone della Provincia di Frosinone.
«Questo perché la Regione guidata da Zingaretti ha riconosciuto la validità del lavoro svolto fino ad oggi dal Comitato per lo Sviluppo, con il quale siamo riusciti a portare avanti una proposta concreta – spiega  Bianchi – diversamente dai tanti piani annunciati negli scorsi anni che hanno solo consumato risorse senza creare alcuno sviluppo».
Ma la consigliera Bianchi invita anche a mantenere alta l’attenzione sulla vicenda: «Resta però un ultimo passo affinché l’accordo diventi realtà, la firma presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Per questo, pur con la consapevolezza di aver intrapreso tutte le migliori azioni, non possiamo ancora abbassare i livelli di impegno sulla vicenda che potrebbe arrivare a un lieto fine nell’arco di poche settimane».
«Il lavoro portato avanti in questo periodo permetterà alla provincia di Frosinone di essere una delle prime in Italia ad avere la possibilità di siglare un accordo di programma – ricorda Bianchi -. Grazie a questo accordo sento di poter dire che si aprirà una nuova era industriale. Con il Bando del Comitato per lo Sviluppo abbiamo suscitato l’attenzione di oltre 150 aziende, tra cui 10 multinazionali, per un  investimento complessivo di 380 milioni e una ricaduta occupazionale di oltre 2000 posti».
I risultati di questo lavoro sono collegati anche alle prime misure prese dall’Assessorato regionale alle Attività Produttive. «Lo sblocco dei 150 milioni di euro per il sostegno alle piccole e medie imprese è un primo tassello di una politica industriale ben precisa – chiarisce la consigliera del gruppo “Per il Lazio” -. Il provvedimento coinvolgerà anche la provincia di Frosinone e ha l’obiettivo di creare un futuro, abbandonando le misure tampone dal corto respiro».
«Sono felice che i lavoratori abbiano compreso la linea e che i sindacati abbiano fatto una scelta ben precisa, preferendo esplicitamente lo sviluppo a nuove manovre di cassa integrazione che portano verso un vicolo cieco. E’ l’unica risposta non solo al reimpiego degli operai della Videocon, ma anche alla crisi occupazionale che sta colpendo la provincia – prosegue la consigliera regionale -. Il progetto costruito è anche una risposta a chi maliziosamente dice “Daniela Bianchi? Lasciamola giocare”, come se l’impegno e il fare fossero una cosa alternativa e non compatibile col fare politica. Si, stiamo giocando, ma stiamo giocando una partita fondamentale per la vita di 1.000 famiglie. Con buone possibilità di portare a casa un risultato positivo».
«Con questa iniziativa la provincia di Frosinone sta riconquistando una voce forte e autorevole – conclude la consigliera – permettendo di sostenere azioni di rilancio industriale veramente percorribili e capaci di generare sviluppo economico e benessere diffuso. Così facendo si è anche riconsegnato alla politica il ruolo di vigilanza e garanzia che le spetta, impedendo che si ripetesse il consumato copione della corsa ai fondi senza alcuna progettualità».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni