Atuttapagina.it

Frosinone, il nuovo modulo sarà il 4-2-4

Il 4-2-4 più del 4-3-1-2. Come era stato previsto, il Frosinone cambierà pelle nella stagione che sta per cominciare. I movimenti di mercato, in particolare nel reparto offensivo, e l’esigenza di rendere la squadra maggiormente imprevedibile rispetto a quella che ha chiuso il campionato scorso porteranno Roberto Stellone ad accantonare il 4-3-3 e ad affidarsi ad un nuovo assetto tattico.
A differenza di quanto ipotizzato, però, i giallazzurri non ricorreranno ad un modulo più accorto con l’inserimento di un trequartista al posto di una punta esterna: Stellone sembra, piuttosto, intenzionato a proporre un Frosinone ancora più offensivo, con il 4-2-4 che dovrebbe diventare il modulo di riferimento della sua squadra. Dunque, rispetto alla scorsa stagione fuori un centrocampista e dentro un’altra punta centrale.
Che la strada percorsa sia quella del 4-2-4 lo si intuisce dalle mosse della società in questa prima fase del calciomercato. Il rinnovo del contratto di Curiale e il contemporaneo ingaggio di Ciofani testimoniano che il prossimo anno il Frosinone giocherà con il doppio centravanti. I due, però, potrebbero giocare anche con il 4-3-1-2. E allora ecco la successiva mossa della società che fa pensare che nel campionato che verrà non si vedrà un centrocampo a rombo: il Frosinone in queste ore è alla ricerca di un esterno offensivo anziché di un trequartista. Il 4-3-1-2 è, quindi, apparentemente scartato, mentre il 4-2-4 è in rampa di lancio. Il laterale d’attacco che piace moltissimo al diesse Marco Giannitti è Abdou Doumbia, francese di origini maliane classe ’90 di proprietà del Siena ed in prestito al San Marino nell’ultima stagione. Doumbia è un esterno destro e sarebbe l’elemento che andrebbe a completare un reparto formato anche da Ciofani, Curiale e Cesaretti (nella foto di Luca Lisi). Sulla voglia di rivalsa di quest’ultimo, impiegato nella posizione ricoperta nella sua prima esperienza col Frosinone in Serie B, Stellone sembra puntare forte. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni