Atuttapagina.it

Patrizi: «Sul gestore idrico nessuna perdita di tempo»

«Al fine di una maggiore chiarezza, letti alcuni articoli di stampa circa le vicende che investono i rapporti dell’Ato5 con il gestore idrico, mi preme sottolineare che, in seguito alla riunione della Consulta d’Ambito con il legale investito del contenzioso con Acea, è stata presa decisione di presentare ulteriori ricorsi nelle sedi deputate. E’ stata inoltre diramata informativa alla stampa che specificava come tali iniziative, tese a fronteggiare una situazione che vede nei nostri confronti una richiesta di ben 75 milioni di euro, non sono ostative di qualsiasi altra iniziativa che l’Assemblea dei Sindaci vorrà prendere nei confronti del gestore idrico. Nel rispetto delle opinioni di ognuno, dunque, non vedo come sia giustificata l’ipotesi di una mia inerzia rispetto a questi problemi essendo stata ricostituita la Consulta d’Ambito, dopo lungo tempo di vacanza del numero legale, sotto la mia ancora breve gestione, e dovendo affrontare un problema non di poco conto come quello della pesantissima richiesta in favore del gestore che è interesse specifico dei cittadini fronteggiare come meglio si possa. La Consulta d’Ambito, cioè i rappresentanti dei sindaci che compongono l’Assemblea, ha unanimemente deciso quanto espresso. Nessuno ha escluso i percorsi che alcune associazioni richiedono e, anzi, la possibilità di avviarne l’iter a discrezione dell’Assemblea, che sarà convocata per approfondire la situazione che riguarda la richiesta milionaria e quel che i sindaci vorranno, non sono stati preclusi da alcuno. Per ulteriore chiarezza nei confronti di chiunque, sottolineo che non uso prendere decisioni autonomamente o con sistemi monocratici, per questo mi sono impegnato a ricostituire la Consulta d’Ambito e mi impegno, continuamente, a valorizzarne il ruolo: in due mesi è stata convocata ben quattro volte e le sue decisioni vengono rispettate. Non solo, esse vengono diffuse a tutti i componenti l’Assemblea dei Sindaci ai quali, infatti, è già stata spedita una dettagliata lettera sulle decisioni prese». E’ quanto dichiara il Commissario Straordinario della Provincia di Frosinone, Giuseppe Patrizi.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni