Atuttapagina.it

Prostituzione, GdF arresta quattro donne

All’esterno moderni e funzionali centri massaggi, all’interno vere e proprie case d’appuntamento con tanto di segreteria, tariffari e turnover periodico di ragazze.
E’ quanto emerso nel corso di un’indagine condotta dagli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria di Frosinone, coordinati dalla Procura del capoluogo, che hanno arrestato quattro donne, tre cinesi e un’italiana. A mettere gli investigatori sulla pista giusta gli annunci piuttosto espliciti di prestazioni hard offerte da giovani di varia nazionalità, pubblicati sulle pagine di noti quotidiani locali.
Si è così scoperto che dietro ad utenze telefoniche apparentemente private c’era una vera e propria agenzia per il favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione, i cui responsabili avevano acquisito la proprietà dei centri massaggi per strutturarli, successivamente, come “case chiuse”.
Secondo quanto emerso nel corso delle indagini, i clienti abituali spesso richiedevano espressamente le ragazze con le quali intrattenersi, mentre i nuovi clienti venivano resi edotti del tipo di prestazione offerta e del relativo tariffario con l’invito esplicito a non contrattare mai al telefono, ma solo direttamente presso il locale. Le quattro responsabili – tre cinesi di 53, 45 e 28 anni ed un’italiana (della provincia di Frosinone) di 23 anni – sono state arrestate per ordine del Gip del Tribunale di Frosinone, in accoglimento della richiesta della Procura, mentre i tre centri massaggi trasformati in case d’appuntamento, tra Frosinone e provincia, sono stati sequestrati. Le Fiamme Gialle stanno effettuando ulteriori accertamenti, sulla base della documentazione trovata nel corso delle perquisizioni, finalizzati a determinare i profitti illecitamente realizzati dall’organizzazione e sottoporli a tassazione.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni