Atuttapagina.it

Chiede aiuto al Comune, ma in banca ha 460.000 euro

Aveva sul conto corrente liquidità e titoli per un importo di 460 mila euro, ma risultava beneficiaria delle prestazioni sociali agevolate. La Guardia di Finanza di Ceprano ha smascherato una falsa povera: si tratta di una cinquantenne, denunciata per truffa ai danni dello Stato. La donna aveva richiesto al Comune di residenza un aiuto economico per l’acquisto dei libri di testo per i figli studenti. La stessa aveva presentato un’attestazione Isee riportante un valore di 6.000 euro. In base a tale situazione reddituale, l’ente locale aveva corrisposto un contributo economico di oltre 300 euro.
Le Fiamme Gialle hanno effettuato accertamenti sul conto della cinquantenne, rilevando che in passato la stessa aveva effettuato transazioni finanziare con l’estero. La beneficiaria delle prestazioni sociali agevolate aveva sul proprio conto corrente somme liquide, azioni e titoli di stato per un valore di 460.000 euro. Al termine del controllo la donna è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria competente per truffa ai danni dello Stato e segnalata all’ente erogante per l’attivazione della procedura di recupero della somma indebitamente percepita.
Nei primi 8 mesi del 2013 i finanzieri della provincia di Frosinone hanno effettuato 64 controlli sulle posizioni reddituali dei nuclei familiari beneficiari di prestazioni sociali agevolate, denunciando 33 falsi poveri.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni