Atuttapagina.it

Ospedale Spaziani, sosta selvaggia e vigili assenti

Quello che si verifica tutti i giorni nei pressi dell’ospedale “Fabrizio Spaziani” di Frosinone è qualcosa che ha ben poco a che fare con il rispetto delle regole della strada e, soprattutto, con il senso civico. Ogni giorno, sia la mattina che il pomeriggio, la strada che scorre parallelamente alla facciata principale dell’ospedale viene occupata da qualche decina di macchine che sostano al lato del marciapiede. Ciò si verifica nonostante siano presenti e ben evidenti due cartelli stradali di divieto di sosta e di fermata: in pratica in quel tratto di strada è perfino vietato fermare l’auto per pochi secondi per far scendere un passeggero. Le macchine, però, restano parcheggiate per diversi minuti, se non addirittura per ore.
Si potrà obiettare affermando che magari nel nuovo ospedale di Frosinone mancano i parcheggi: in questo caso le soste selvagge, sia pur comunque non ammesse, troverebbero una minima giustificazione. Non è però così, visto che nella zona dove si trova il depuratore ci sono degli ampi parcheggi, distanti solo un paio di minuti a piedi dall’ingresso dell’edificio che ospita l’ospedale, che restano desolatamente vuoti. Le foto sono state scattate questa mattina allo stesso orario (intorno alle 11) e testimoniano come il parcheggio al lato sud del depuratore sia del tutto vuoto, mentre la strada dove vige il divieto di sosta e di fermata è utilizzata per parcheggiare. Situazione simile – anzi, ancora più grave – sulla rampa di accesso al pronto soccorso: anche lì macchine parcheggiate nonostante non sia consentito.
La Polizia Locale di Frosinone, in tutto questo, sembra non essere a conoscenza di quanto si verifica giornalmente. Il fenomeno andrebbe combattuto con una presenza costante nella zona dell’ospedale, ma i “furbi” continuano a lasciare in sosta la propria auto dove non dovrebbero. A tutto questo va aggiunto lo stato di degrado – con erba alta e rifiuti sparsi a pochi metri dall’ingresso dell’ospedale – che non giova all’immagine di Frosinone. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni