Atuttapagina.it

Stellone: «Dobbiamo vincere, non importa come»

E’ un Roberto Stellone (nella foto di Luca Lisi) col volto tirato quello si presenta in sala stampa alla vigilia della partita col Barletta. La sconfitta col Catanzaro deve aver lasciato il segno, per quanto si sia trattato della prima della stagione. L’allenatore ha deciso di andare avanti per la sua strada, riproponendo lo stesso modulo visto finora: il 4-3-3. «Al di là dello schema tattico, possiamo cambiare pelle in qualsiasi momento della gara», ha precisato il tecnico del Frosinone. Che poi ha aggiunto: «Quando avrò tutti i giocatori al top è possibile che ci schiereremo in un altro modo».
E al top non vengono considerati Blanchard, Curiale e Gessa, tutti e tre lasciati fuori dall’undici iniziale. «Non sono al 100% dal punto di vista della condizione. Quando lo saranno giocheranno certamente». Poi l’aggiunta: «Io li vedo tutti i giorni i miei calciatori, li monitoriamo continuamente. E in questo momento gioca chi sta meglio. Quella che andrà in campo è la squadra che mi dà maggiori garanzie».
Stellone è convinto che il Barletta non verrà a giocare una partita difensiva. «Il blocco delle retrocessioni farà cambiare atteggiamento a tutte le squadre. Magari in altri tempi questo avversario sarebbe venuto a disputare una gara di copertura, ma non quest’anno che non c’è niente da perdere. A me comunque non interessa, perché questa partita la dobbiamo vincere. Non importa in che modo, bisogna solo conquistare i tre punti».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni