Atuttapagina.it

«Tra le squadre che possono vincere il campionato»

La squadra che scenderà in campo è quella anticipata alla vigilia (leggi qui). Il Frosinone non cambia, confortato dalle straordinarie prove contro Modena e Cagliari in Coppa Italia. Questa sera, nell’esordio di campionato al Matusa contro l’Ascoli, giocheranno Zappino tra i pali; Frabotta, Bertoncini, Matteo Ciofani e Crivello in difesa, da destra a sinistra; Soddimo, Gori e Frara a centrocampo; Paganini, Curiale e Cesaretti in attacco. In panchina ci saranno Mangiapelo, Biasi, Blanchard, Altobelli, Crescenzi, Aurelio e Campagna.
«Confermo i giocatori che in questo momento sono più in forma. A centrocampo Soddimo può trasformarsi anche in mezzapunta durante la partita: l’ho visto molto bene in questi giorni. Per Altobelli non è una bocciatura». Roberto Stellone (nella foto di Luca Lisi), alla vigilia dell’inizio del suo secondo campionato alla guida del Frosinone dei “grandi”, ha parlato di «giocatori più in forma». L’ennesima esclusione dalla formazione titolare di Aurelio sta a testimoniare che l’attaccante è ancora lontanissimo dalla miglior condizione: non è da escludere una sua partenza entro la chiusura del mercato di domani sera.
Parlando della partita con l’Ascoli e, più in generale, della stagione che si presenta davanti al Frosinone, Stellone utilizza più volte un sostantivo: sacrificio. E’ quello che il tecnico chiede ai suoi ragazzi per questo e per i prossimi appuntamenti: «Le partite di Coppa Italia ci hanno fatto capire che se ci diamo una mano l’uno con l’altro anche un avversario di Serie A può andare incontro a delle difficoltà. Siamo in un gruppo di quattro o cinque squadre che possono vincere il campionato e a mio giudizio prevarrà chi metterà più cattiveria, chi si sacrificherà di più, chi si mostrerà più coeso. Quest’anno non ci dovrà mancare la determinazione. Solo con il sacrificio si possono ottenere dei risultati importanti».
L’Ascoli, insomma, non può incutere timore ad una squadra che lotterà per vincere il campionato. «Rispettiamo l’avversario – il commento di Stellone sulla partita di stasera – ma scenderemo in campo per vincere. Vogliamo e dobbiamo partire col piede giusto». E la partenza col piede giusto c’è stata anche in Coppa Italia, con le tre vittorie consecutive e l’approdo al quarto turno: unica formazione di Lega Pro ad esserci riuscita. Stellone tranquillizza tutti coloro che temono che la partenza sprint sia dovuta a una preparazione dai ritmi blandi che, questa è la paura, potrebbe poi essere pagata già a partire dall’autunno. «Abbiamo lavorato più dell’anno scorso. Non abbiamo vinto le due partite contro il Modena e il Cagliari perché fossimo più brillanti, ma solo perché ci siamo sacrificati ed eravamo concentrati. Siamo ancora in rodaggio, solo tra un mese o un mese e mezzo saremo al top».
L’ultima battuta è dedicata al mercato. «Sono strafelice della rosa che ho a disposizione, sono arrivati giocatori importanti. Alla società non ho chiesto niente, neppure in questi ultimi giorni. Per quanto mi riguarda siamo a posto così. Se, però, dovesse arrivare la ciliegina sulla torta non la rifiuterei». Le parole di Stellone sembrano anticipare il settimo colpo di mercato del Frosinone: è quasi del tutto certo che domani si chiuderà per un nuovo centrocampista. (Ga.Ma.)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni