Atuttapagina.it

Discarica via Le Lame, primo passo per eliminarla

Nel pomeriggio, nella sede del Comune di Frosinone, si è tenuta la conferenza dei servizi sulla ex discarica di via Le Lame, convocata dal sindaco Nicola Ottaviani. Alla conferenza hanno partecipato, oltre al primo cittadino, il dirigente del settore lavori pubblici, architetto Francesco Acanfora, il dirigente del settore ambiente, architetto Elio Noce, e il geologo comunale Marco Spaziani, per il Comune di Frosinone, l’ingegnere Pierfrancesco Vona per l’amministrazione provinciale di Frosinone e l’ingegnere Massimiliano Ricci, direttore del Consorzio Asi di Frosinone. Non erano presenti e non hanno preso parte ai lavori la Regione Lazio e l’Arpa, sebbene ritualmente invitati a partecipare.
E’ stata analizzata e giudicata positivamente la proposta del sindaco Ottaviani di sperimentare le ipotesi alternative alla continuazione dell’attività di trattamento dei rifiuti all’interno della discarica di via Le Lame. La conferenza dei servizi ha conferito mandato agli enti di riferimento di costituire una commissione tecnica per la valutazione di proposte di eliminazione dei rifiuti, con interventi a totale carico di iniziative private, che saranno analizzate tenendo presente i criteri essenziali del basso impatto ambientale e della economicità degli strumenti utilizzati.
«E’ un primo passo importante – ha commentato Ottaviani – che potrebbe rappresentare una inversione di rotta radicale nella gestione e nella localizzazione della discarica di via Le Lame. Credo che nessuno sentirebbe la mancanza della eventuale assenza di un’opera monumentale, ascrivibile ad un ecomostro, costituita da circa 650.000 tonnellate di rifiuti, adagiati in una zona che oggi rappresenta l’ingresso nel tessuto urbano. Siamo disponibili a recepire indicazioni e proposte da parte dei privati che ritengano, buon per loro, il rifiuto alla stregua di una risorsa, mentre per noi quella colla di rifiuti rimane un problema sicuramente da eliminare, in funzione della tutela della salute pubblica e dell’ambiente».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni