Atuttapagina.it

Frosinone è viva, il capoluogo avrà un defibrillatore

Con l’evento di ieri alla Villa Comunale di Frosinone si è conclusa “Frosinone è… viva!”, campagna di sensibilizzazione sull’arresto cardiaco e sulla rianimazione cardiopolmonare. Fortemente voluta da diverse associazioni di medici, operatori di pronto soccorso, infermieri e volontari che operano sul nostro territorio (IRC Italian Resuscitation Council Frosinone, Nucleo Cives Frosinone, Associazione Percorsi, Associazione Organizzazione Italiana Sviluppo Innovativo e Life Support Center Frosinone), questa campagna ha riscosso un ottimo successo, tanto nel tour degli istituti scolastici di Frosinone, Cassino e Sora, quanto nella giornata conclusiva dedicata al convegno ed alle dimostrazioni pratiche di rianimazione cardiopolmonare, visto il numero di partecipanti e cittadini presenti.
Diversi i contributi e le testimonianze nel corso della mattinata – nella veste di moderatore il giornalista Roberto Monforte – presso la sala conferenze della Villa Comunale. Apertura affidata al dottor Dino Grimaldi, progettista della campagna e consigliere comunale del capoluogo, il quale, tra i diversi interventi, ha illustrato le finalità dell’iniziativa ed ha presentato il progetto più ambizioso, quello di far diventare “Frosinone città cardio protetta”. A seguire hanno preso la parola l’assessore allo Sport, Cultura e Turismo del Comune di Frosinone, Gianpiero Fabrizi, che ha confermato massimo sostegno e vicinanza dell’amministrazione al progetto, e quindi il presidente dell’Ordine dei Medici di Frosinone, dottor Fabrizio Cristofari, che ha illustrato alcune statistiche inerenti l’arresto cardiaco, sostenendo poi la validità sociosanitaria della campagna “Frosinone è… viva!”.
Particolarmente apprezzato dalla platea anche l’intervento del dottor Nazzareno Lomartire, che ha parlato delle percentuali di sopravvivenza in caso di arresto cardiaco, dell’importanza dei tempi di intervento e della sensibilizzazione riguardo tali tematiche. Al tavolo dei relatori sono intervenuti anche il presidente del Collegio Ipasvi di Frosinone, Paolo Masi, ed i rappresentanti delle Associazioni che hanno fattivamente contribuito alla realizzazione della manifestazione, Alessandro Cinque, vicepresidente di Your Future, Mauro Ricciarelli, presidente dell’Associazione Percorsi di Frosinone, e Francesco Macciotta del Nucleo Cives di Frosinone.
Ringraziamenti anche per gli amici Yellow Fire Gi.di.effe. Motoclub Onlus, associazione che ha aderito al progetto, presente con diverse moto nel piazzale della Villa Comunale, tra queste la moto della Protezione Civile di Albano Laziale, dotata di defibrillatore automatico a bordo per gli interventi di pronto soccorso. Nel corso del convegno è stata letta anche la missiva del Vescovo della Diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino, Monsignor Ambrogio Spreafico, indirizzata al dottor Dino Grimaldi, nella quale si esprime vicinanza ed apprezzamento all’iniziativa.
Tra i momenti più importanti della mattinata la dimostrazione di rianimazione cardiopolmonare attraverso l’utilizzo di un defibrillatore effettuata da Micaela Danieli, Valerio Staccone e Franca Villamaina (IRC e Life Support Center), operatori che hanno lavorato con passione e professionalità al progetto partecipando in prima persona anche al tour nelle scuole. Molto gradito anche l’intervento di Simona De Vecchis di Conflavoro PMI Frosinone, che ha espresso il plauso per la campagna ed ha proposto di collaborare insieme con le associazioni per future iniziative, con l’obiettivo di regalare alla Città di Frosinone un altro defibrillatore automatico ad uso pubblico, da installare, questa la proposta, al Campo Coni del comune capoluogo.
Dopo il convegno c’è stata la consegna ufficiale del defibrillatore da parte del dottor Dino Grimaldi al sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, che ha espresso il proprio personale apprezzamento per la validità del progetto ringraziando i presenti e tutti coloro i quali hanno partecipato all’iniziativa, confermando quindi la piena disponibilità dell’amministrazione tutta al progetto “Frosinone città cardio protetta”.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni