Atuttapagina.it

Globo Sora, amara sconfitta al tie break

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora si arrende al tie break alla B-Chem Potenza Picena e, come la scorsa stagione, l’esordio in campionato passa dal PalaGlobo “Luca Polsinelli” contro lo stesso avversario.
Per il secondo anno consecutivo infatti la squadra di patron Giannetti apre le danze in casa contro i potentini, questa volta però il risultato è diverso dall’altro precedente, con gli ospiti che l’hanno spuntata al tie-break.
Pubblico delle grandi occasioni al PalaGlobo per la prima battaglia di capitan Daldello e compagni, che sotto la guida di coach Fenoglio hanno soddisfatto tutti i palati presenti con delle belle giocate ma purtroppo non con il risultato. Grande prova di Alessio Fiore ma anche di capitan Daldello, che oltre a una buona regia ha messo in campo tanto del suo doppio ruolo.
Tutti abili e arruolati i ragazzi di coach Fenoglio con la sola defezione del libero Federico Bonami, presente ma purtroppo sugli spalti non essendo stato tesserato entro il temine utile e che quindi potrà tornare disponibile per il campionato solo dalla quarta giornata.
Schiera, forse la prima volta, la sua formazione al gran completo coach Fenoglio, proponendo capitan Daldello in cabina di regia opposto a Tamburo, Salgado e Tomassetti al centro, Fiore e Guttmann in banda e Lo Bianco libero.
Risponde dall’altra parte della rete mister Graziosi con la diagonale Pinelli-Moretti, Tobaldi e Zamagni in posto 3, Bolla e Lipparini in banda e Romiti libero.
La battuta di Alessio Fiore inaugura il campionato, ma il primo punto lo mette a segno Zamagni. Con Tobaldi e Moretti la B-Chem prova a stabilire una distanza, ma Fiore e Tamburo non glielo permettono mantenendo il punteggio in equilibrio fino al 10-11. Guadagna il cambio palla Sora con il suo opposto e con Salgado dai nove metri mette a segno un grande parziale di 7-0. Con i muri di Daldello, Fiore e Tomassetti, rispettivamente ai danni di Bolla e Moretti, assieme all’attacco in pipe di Guttmann, i padroni di casa volano sul +6 del 17-11. L’opposto potentino interrompe la striscia positiva locale con una buona giocata sulla rete e poi autografa l’ace che accorcia le distanze fino al 17-14. Il muro di Fiore, ancora a bloccare l’attacco di Moretti, ristabilisce il +5 del 19-14 con il parziale che continuerà a salire punto su punto con la Globo che difende bene il suo vantaggio e la B-Chem che non riesce a ridurlo. Il capitano sorano, Nicola Daldello, continua a metterci le mani anche sulla rete bloccando tutte le buone intenzioni di Moretti per il punto che vale il set ball. Sora ha cinque possibilità per chiudere il parziale, ma Potenza Picena ne annulla tre. Richiama in panchina i suoi ragazzi coach Fenoglio e al rientro in campo una giocata meravigliosa di Daldello a una mano per Salgado che finalizza, fa esplodere l’euforia del PalaGlobo e archivia il primo set sul 25-22.
In vantaggio di un set a zero Sora torna in campo più aggressiva e con Tamburo e Guttmann a muro e Salgado in attacco è subito 5-1. Richiede il time out discrezionale a sua disposizione coach Graziosi e al rientro in campo Lipparini e Moretti guidano l’aggancio del 7-6. È il muro a fare la differenza in questo momento con tre block messi a segno dai padroni di casa che riallungano così il passo sul +3 del 12-9 dello stop obbligatorio. Si gioca palla su palla con Tomassetti che fa la differenza per il 17-13, ma qualche errore di troppo dei suoi compagni ridà strada agli avversari che si ritrovano sotto 19-18. Insacca il muro a tre avversario Tamburo con la classica palla del postino che vale il nuovo doppio vantaggio del 21-18. Interrompe il gioco mister Graziosi e i suoi ragazzi continuano a lottare palla su palla fino al 23-20, quando Moretti sale in cattedra e diventa autore e capitano di una grande rimonta. Dopo il time out di coach Fenoglio l’opposto autografa l’ace del 23-23. Fiore dà ai suoi la possibilità di chiudere il set, ma Guttmann la spreca e manda tutti ai vantaggi. Lo stesso schiacciatore austriaco si guadagna la nuova palla decisiva, ma Bolla annulla ancora. 25-25 e questa volta a salire sugli scudi è Tobaldi per la prima possibilità set che i suoi compagni non si fanno sfuggire per il 25-27 che vale la parità in fatto di conteggio set.
Torna in campo la Globo con lo schiacciatore Williamson al posto di Guttmann per il terzo game che si avvia equilibrato fino al 5-5, quando due attacchi vincenti del canadese e il muro di Salgado ai danni di Zamagni fanno segnare il primo vantaggio sorano dell’8-5. Potenza Picena inanella una serie di errori e il tabellone sale su un pesante 15-8, anche con la pipe di Williamson e il granitico muro di Tomassetti sul pari ruolo Tobaldi. Sale a +8 il bottino della Globo con la prepotente battuta di Fiore che permette a Williamson di tirare il suo rigore per il 17-9. Richiama a sé i suoi ragazzi la guida tecnica potentina, ma Salgado, impietoso in attacco e a muro, porta il set sul 20-12. Arriva la reazione della B-Chem che, con due mini break positivi guidati dal servizio di Berni subentrato a Zamagni, si riporta sotto 21-19. 23-21 e un indiavolato Fiore schianta nella metà campo avversaria la palla del 24-21. Chiude in fretta Tomassetti a muro su Moretti non permettendo questa volta repliche all’avversario. 25-21 e Sora nuovamente in vantaggio per 2 set a 1.
Torna in campo con nuova linfa Potenza Picena, che con Bolla dai nove metri e Moretti sulla rete porta il quarto parziale sul 3-7. Con Tobaldi e Lipparini la B-Chem si tiene stretta il suo vantaggio fino al 7-11, quando Salgado torna a far paura sulla rete con due veloci vincenti e un block su Bolla e, aiutato da Tamburo e capitan Daldello che continua a toccare belle palle a muro, è parità 12-12. L’opposto locale guadagna il cambio palla e ancora Daldello, prima a servire al meglio Fiore e poi a firmare un ace, fa segnare il nuovo vantaggio del 16-14. Moretti non si allontana dalla gara neanche per un attimo e si fa pioniere della nuova cavalcata potentina che arriva fino al 21-24. Reagisce Sora, ma sul 23-24 il solito Moretti pareggia i conti con un 23-25 che manda tutti al tie-break.
Nella metà campo sorana sembra essersi spenta la luce, con Potenza Picena proprietaria indiscussa del gioco e il tabellone che segna un brutto 3-8 al cambio di campo. Rosicchia lunghezze importanti Sora con Guttmann subentrato a Fiore, Salgado e Tamburo per un 9-11 che sembra riaprire i giochi. Il primo arbitro assegna un cartellino rosso a Zamagni per il 10-12, ma è proprio in questo momento che i ragazzi di coach Fenoglio si lasciano andare via per il 10-15 finale che fa esultare Potenza Picena per la sua prima sudata vittoria in trasferta. (Carla De Caris)

Foto di Claudia Di Lollo

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni