Atuttapagina.it

Conservatorio, due eccezionali eventi internazionali

Arti visive, musica elettronica, sound arts, internazionalità. Questi gli ingredienti della due giorni con cui il Conservatorio di Frosinone darà spazio alla ricerca artistica sulla contaminazione tra i linguaggi nell’ambito delle arti elettroniche ed audiovisive. Due, appunto, le iniziative in programma proposte all’interno dell’edizione 2013 de “La Settimana della Contemporaneità”, contenitore artistico che il “Refice” dedica ogni anno alla musica contemporanea.
Si parte domani alle 20 presso l’Auditorium diocesano di Frosinone, quartiere Cavoni, con l’appuntamento dal titolo “Lo Sguardo di Orfeo. Tra sapere e Bellezza”. Nel corso dell’evento, nato all’interno di uno scambio ERASMUS italo-danese, saranno presentate le opere audiovisive degli allievi del Centro di Ricerca ed Elaborazione Audiovisiva (CREA) del Conservatorio di Frosinone e del Danish Institute of Electroacoustic Music (DIEM) – Royal Academy of Music di Aarhus, Danimarca. In primo piano, sia sperimentazioni audiovisive originali sia lavori frutto di elaborazioni di immagini tratte dalla filmografia classica degli inizi. Una sorta di seminario-evento, nonché occasione di confronto tra scuole artistiche diverse, che si chiuderà con la performance del professor Wayne Siegel, direttore del DIEM – Royal Academy of Music di Aarhus. Nell’ambito della sperimentazione nel campo dell’interazione uomo-macchina, infatti, Siegel approfondirà questo rapporto mettendo in scena una performance gestuale basata sulla modulazione di parametri del suono, come il timbro, l’ampiezza e la spazializzazione, attraverso i movimenti delle mani.
Un evento da non perdere, quindi, come da non perdere sarà la rassegna multimediale internazionale “Di_stanze 2013 – Community Festival of Sound Arts”. L’appuntamento, in programma venerdì alle 16, presso il Conservatorio di Frosinone, si presenta, appunto, come un community festival, vale a dire un’iniziativa divisa in più sezioni realizzata con la partecipazione di diversi istituti – conservatori di musica, università, associazioni ed istituti del settore del multimediale – ognuno responsabile della cura di una sezione specifica del Festival. Organizzatore della sezione “audio-video”, il Conservatorio di Frosinone proporrà la visione di sette opere di artisti internazionali selezionate da una commissione composta da docenti del “Refice” e da Wayne Siegel. L’evento sarà arricchito da interviste agli autori, collegati in videoconferenza dai rispettivi Paesi, e dalla trasmissione in diretta streaming dell’intera manifestazione sul sito www.distanze.org. Sarà possibile interagire con i presenti, attraverso domande, commenti e considerazioni sulle opere trasmesse, tramite il gruppo facebook del Festival Di_stanze disponibile all’indirizzo www.facebook.com/groups/471356992913968.
Promossi dal direttore del Conservatorio Raffaele Ramuto e dal presidente Marcello Carlino, gli appuntamenti sono a cura dei docenti del Conservatorio “Refice” Antonio D’Antò, Antonino Chiaramonte, Valerio Murat, Antonio Poce, Luca Salvadori, Alessandro Cipriani, Francesco Paris e Marco Massimi.
Due interessanti ed importanti iniziative, quindi, che, nell’ottica della promozione del Nuovo e dell’Antico, cioè della tradizione musicale classica e degli sviluppi tecno-linguistici della ricerca multimediale ed audiovisiva, pongono il Conservatorio di Frosinone all’avanguardia, a livello nazionale ed internazionale, per la proposta culturale nel campo della ricerca e della sperimentazione nelle arti elettroniche.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni