Atuttapagina.it

Frosinone, la sorpresa è Crivello dal primo minuto

La sorpresa nella formazione del Frosinone che domani affronterà il Gubbio è la maglia da titolare consegnata a Crivello (nella foto di Luca Lisi). L’esterno mancino tornerà a giocare dal primo minuto a distanza di due mesi dall’infortunio. Finora, dopo il completo recupero, il terzino non era mai stato portato neppure in panchina: Crivello passa insomma dalla tribuna al campo.
Per il resto non ci sono sorprese nella formazione annunciata da Stellone nel corso della conferenza stampa di presentazione della partita di domani. «Solo le condizioni di Blanchard – ha spiegato il tecnico – sono da valutare, visto che il giocatore è alle prese con un fastidioso torcicollo. Se Leonardo non dovesse farcela è pronto Frabotta, con Matteo Ciofani che in questo caso scivolerebbe al centro».
E allora, davanti a Zappino ci saranno Matteo Ciofani a destra, Bertoncini e Blanchard al centro e Crivello a sinistra. Nella seconda ipotesi, quella con Blanchard indisponibile, il quartetto sarebbe formato, a partire da destra, da Frabotta, Bertoncini, Ciofani e Crivello. A centrocampo, poi, spazio a Gessa sulla fascia destra, Gucher e Altobelli al centro e Frara sulla corsia sinistra. In attacco confermata la coppia Daniel Ciofani-Curiale. Dunque domani il Frosinone si predisporrà in campo con il 4-4-2. Tra gli indisponibili, inoltre, c’è anche Gori, che verrà preservato dopo il risentimento agli adduttori avvertito in settimana. Oltre Mirko, mancheranno anche Soddimo, Biasi, Formato, Campagna, Crescenzi e i due squalificati Russo e Paganini.
«Sarà una partita importantissima per noi», ha spiegato Stellone. «Veniamo da tre pareggi consecutivi in campionato e vogliamo riprendere il discorso con la vittoria. Vincere sarebbe fondamentale anche per affrontare al meglio il filotto dei prossimi appuntamenti contro squadre di valore».
Ai suoi giocatori Stellone ha chiesto di non avere fretta, visto che il Gubbio è una formazione che gioca particolarmente abbottonata. La stessa pazienza l’allenatore la chiede anche ai tifosi: «Ribadisco che giocare davanti a 3-4 mila spettatori che ti incitano alla lunga ti aiuta a vincere le partite. Domani i nostri tifosi possono darci un aiuto importante. A loro chiedo di avere pazienza, perché non è scritto da nessuna parte che il Frosinone debba stare sul 3-0 dopo dieci minuti. Poi, se al 95′ dovessero essere scontenti dell’allenatore e della squadra, hanno tutto il diritto di manifestare la propria contestazione».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni