Atuttapagina.it

Frosinone, maxi truffa per 330 capi di abbigliamento

Tre persone denunciate a Frosinone per ricettazione e truffa. Un’informazione raccolta dagli investigatori della Squadra Mobile di Frosinone sul commercio di importanti capi di abbigliamento di dubbia provenienza ha fatto scattare le indagini della Polizia.
Pattugliamenti e servizi di osservazione hanno consentito ai poliziotti di individuare un capannone nella parte bassa della città in prossimità del quale è stato registrato un insolito movimento di mezzi.
L’accesso nel locale ha confermato il sospetto degli investigatori.
Sono stati, infatti, rinvenuti accatastati 330 capi di abbigliamento maschile di note griffe.
Il proprietario del capannone ha fornito una documentazione per giustificare il possesso dei capi, sulla quale da subito gli operatori di Polizia hanno mostrato perplessità.
L’ulteriore corso dell’attività investigativa ha consentito di appurare che quella merce era stata, con abile truffa, prelevata da un’azienda di Sora.
Qualche giorno fa, infatti, un quarantaseienne in compagnia di una donna di trentanove anni, entrambi di Frosinone, si sono recati presso una società di Sora simulando l’acquisto dei capi in questione.
Dopo una trattativa sul prezzo hanno convinto l’imprenditore a caricare la merce sul loro furgone e a farsi seguire per raggiungere la località stabilita per il saldo dei capi.
I due truffatori, però, hanno portato a compimento il loro piano e così l’abile autista è riuscito a seminare l’ignaro imprenditore, che ha realizzato subito dopo di aver perso merce e denaro.
La scrupolosa ricostruzione dei fatti della Polizia si è conclusa con una denuncia per ricettazione nei confronti del proprietario del capannone ed una per truffa nei confronti dei due complici.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni