Atuttapagina.it

Concorso su violenza, Regione premia liceo Ceccano

Il Consiglio regionale ha premiato i vincitori del concorso “Mai più violenza: esci dal silenzio”. Il Liceo scientifico e linguistico di Ceccano migliore nella categoria letteraria e in quella multimediale.
«Non solo il 25 novembre, Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, ma ogni giorno dobbiamo lavorare per far sì che sia un giorno contro la violenza in generale e in particolare contro la violenza sulle donne. Porre l’accento su questo tema è importante in qualsiasi giorno dell’anno soprattutto con i ragazzi cui vanno insegnati i valori e il rispetto per gli altri. Vi ringrazio per le adesioni ogni anno più numerose e i lavori che avete inviato, assolutamente di grande qualità».
Così il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Daniele Leodori, ha salutato gli oltre 300 ragazzi e ragazze delle scuole medie superiori e allievi dei percorsi triennali di istruzione e formazione del Lazio che hanno preso parte alla cerimonia di premiazione del bando di concorso “Mai più violenza: esci dal silenzio”, svoltasi questa mattina alla Pisana.
Promosso dal Consiglio regionale congiuntamente alla Consulta Femminile Regionale per le Pari Opportunità, il concorso, nato per favorire il confronto tra le nuove generazioni, gli insegnanti e le associazioni femminili sul tema della violenza, in particolare contro le donne, ha coinvolto quest’anno 102 Istituti laziali e oltre 600 studenti.
«Un’edizione – ha detto Donatina Persichetti, responsabile della Consulta – contrassegnata da una maggiore partecipazione dei piccoli centri, solitamente quelli più chiusi nell’esprimere il disagio. Un segnale importante, questi ragazzi hanno preso coscienza di essere i protagonisti del cambiamento».
Oltre al concorso, giunto alla sesta edizione, il consigliere segretario Maria Teresa Petrangolini ha ricordato che il Consiglio è impegnato nella proposta di legge in materia di contrasto alla violenza sulle donne, attualmente all’esame della V Commissione. «Stiamo discutendo una legge sulla prevenzione del fenomeno e di assistenza alle vittime che ha visto l’apporto di numerose associazioni», ha spiegato ai ragazzi che hanno affollato la Sala Mechelli. «Una grande operazione di ascolto», che si è conclusa a fine ottobre e che sta ora proseguendo con l’esame dell’articolato.
«Sono state fatte oltre 90 audizioni – ha aggiunto Eugenio Patanè, presidente della V commissione -. È una legge moderna e, insieme al vostro aiuto, potremo avanzare verso un futuro migliore, per migliorare i nostri quartieri e noi stessi. La voglia di combattere questo problema culturale, non di sicurezza, deve coinvolgere ciascuno di noi».
Sono inoltre intervenuti i consiglieri Mario Abbruzzese, Piero Petrassi, Daniele Sabatini, Federica De Pasquale, per la Consulta femminile, e la ricercatrice dell’Istat Maria Giuseppina Muratore.
Oltre 300 gli elaborati pervenuti, suddivisi nelle tre diverse categorie: 76 opere multimediali, 65 componimenti letterari e 170 lavori artistici, di cui una parte esposti alla Pisana per l’occasione.
Sono risultati vincitori, per la sezione letteraria, Chiara Sodani con “Donne come fenici”, del Liceo scientifico e linguistico di Ceccano; per la sezione artistica, Dario Penta, dell’I.I.S. Liceo Artistico “F. Orioli” di Viterbo; per la sezione multimediale ha vinto “Una donna nuova in un paese per vecchi (il caso di Franca Viola)”, lavoro collettivo della classe IV F ancora del Liceo Scientifico e linguistico di Ceccano, composta da Giulia Belli, Anna Capoccetta, Camilla Cappellina, Giorgia Capua, Noemi Celenza, Piergiorgio Celenza, Valentina Cimaroli, Andrea Di Bella, Letizia Frati, Noemi Massa, Irene Micheli, Michele Migliori, Giulia Neroni, Rebecca Penna, Gianmarco Polidori, Michela Protani, Veronica Reali, Alessandro Simoni, Marco Testa, Debora Trani.
Per le loro particolari qualità, il comitato di selezione ha ritenuto di assegnare anche delle menzioni speciali.
I riconoscimenti sono andati, tra gli altri, a “La sconfitta non è donna”, elaborato multimediale di Chiara Alessandrini, Ilaria Tiberia, Valentina Tomei, Serena Trapani della classe IV E del Liceo Scientifico e linguistico di Ceccano; e all’elaborato artistico “Basta” di Valter Ponza, dell’I.I.S. “Michelangelo Buonarroti” di Fiuggi.
Oltre ad un premio di 1.000 euro per ciascuna delle categorie di concorso che verrà erogato tramite gli Istituti scolastici dove sono iscritti gli studenti risultati migliori classificati, le opere vincitrici beneficeranno di un’ampia diffusione. In tutti i capoluoghi di provincia della Regione verranno affissi i manifesti del miglior lavoro artistico, quello letterario sarà stampato e distribuito, mentre verranno promossi spot pubblicitari del contributo multimediale, al fine di sollecitare una riflessione consapevole sulla violenza.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni