Atuttapagina.it

Frosinone, riparte il sistema di videosorveglianza

L’amministrazione comunale di Frosinone, dopo aver risolto il contenzioso che si trascinava da anni con alcune imprese del settore, sta procedendo in questi giorni alla riattivazione della videosorveglianza in tutte le aree più importanti e frequentate della città. La scorsa settimana il servizio è stato ripristinato nell’area della Villa Comunale ed ora si sta procedendo agli adeguamenti tecnici nelle zone dello stadio Matusa e a Madonna della Neve.
Inoltre, all’inizio del nuovo anno verranno ripristinate le telecamere nelle zone di Corso Lazio, Cavoni, piazza VI Dicembre e piazzale Gramsci.
Gli obiettivi del sistema di videosorveglianza urbana sono la risposta concreta ed efficace al crescente bisogno di sicurezza espressa dai cittadini. La possibilità di un presidio elettronico continuativo del territorio ad integrazione della presenza fisica di personale, la centralizzazione delle capacità di gestione e supervisione del sistema e del territorio da esso interessato e la razionalizzazione dei costi di gestione dei servizi di vigilanza con conseguente ottimizzazione dell’impiego di risorse umane interne sono alcuni dei vantaggi immediati che si possono ottenere. Nell’ambito delle applicazioni su scala urbana dei sistemi di videosorveglianza, infatti, sono stati riscontrati molti benefici, derivanti dall’impiego efficace della tecnologia a supporto delle attività repressive delle forze dell’ordine sul territorio, quali il monitoraggio discreto, il controllo di vaste aree in tempi ristretti, l’ottimizzazione delle risorse umane e dei costi di difesa territorio, la visione anche in condizioni proibitive, il controllo di aree remote, la documentazione eventi (storica e statistica) e la individuazione degli autori dei crimini.
«Con il programma di riattivazione del sistema di videosorveglianza della città – ha spiegato l’assessore alla Polizia Locale e alla Sicurezza Sandro Blasi – si vuole garantire la massima sicurezza ai cittadini e ai visitatori che hanno tutto il diritto di poter vivere il nostro capoluogo nel migliore possibile dei modi. Tutto questo a dimostrazione del grande lavoro che l’amministrazione Ottaviani sta mettendo in campo per rendere Frosinone una città adeguata alle esigenze di un moderno capoluogo».
«L’idea sulla quale stiamo lavorando – ha aggiunto il sindaco Nicola Ottaviani – è quella di collegare con una rete di videosorveglianza sia il centro urbano, sia la periferia, monitorando costantemente con la centrale operativa, presso il Comando della Polizia Locale, quel che avviene in città, sotto il profilo della sicurezza. Il sistema si rivelerà anche un valido deterrente per quanti, venendo da fuori, abbiano intenzione di entrare in città non per un giro turistico ma per eventuali scorribande notturne, che saranno sanzionate adeguatamente».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni