Atuttapagina.it

La Globo Sora vuole confermare il quarto posto

Ha lavorato sodo questa settimana la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora per arrivare pronta e determinata al nuovo appuntamento di cartello e, quindi, per non avere nessuna esitazione davanti all’avversario di giornata, il Caffè Aiello Corigliano.
Che non tragga in inganno il penultimo posto della classifica nel quale sono confinati i calabresi dall’inizio del campionato, perché Corigliano ora è una squadra nuova dopo l’innesto di quattro giocatori di livello e il cambio della guida tecnica passata in mano a Michele Totire.
Così, dunque, anche l’avversario della nona giornata di campionato, presentata dalla Casa di Cura Privata Villa Gioia, sarà ostico per Sora, tutto da valutare e da rispettare in campo, cercando di contrastarlo senza risparmio per poter intascare il bottino in palio.
Mancano tre giornate alla fine del girone d’andata, anche se per la Globo ne restano da giocare solamente due dopo l’esclusione dal campionato di Avellino. Due gare e sei punti in palio prima di arrivare al giro di boa che decreterà le quattro partecipanti alla Final Four di Coppa Italia in programma a Monza l’11 e 12 gennaio.
L’attuale quarto posto in solitaria dei ragazzi di coach Fenoglio fa ben sperare. Dopo la coabitazione con Ortona, infatti, battendola la scorsa domenica Sora ha potuto sedersi comodamente su quella poltrona che non è più per due e sentirsi con la mano tesa pronta a strappare il pass per partecipare alla Final Four di Coppa Italia. Per farlo, però, dovrà vincere ancora e assicurarsi di tenere l’Impavida alla giusta distanza di sicurezza dove è ora, cioè a meno tre punti.
Considerando anche gli altri incroci che restano da disputare e i turni di riposo che restano da osservare, nello specifico a Monza, Padova e Sora, attualmente seconda, prima e quarta della classifica, non è detto che giocandosi bene le sue carte la Globo non possa migliorare la posizione nelle due gare mancanti, di cui una sarà proprio lo scontro diretto con Matera il prossimo 22 dicembre al PalaSassi.
Intanto, dopo l’ottima prestazione di domenica con una formazione rimaneggiata ma efficace e con un giocatore fuori ruolo, cioè l’opposto Cesare Gradi, utilizzato come schiacciatore-ricettore, e con Matteo Casarin che pur non avendo mai calcato i campi della Serie A da titolare ha dimostrato di essere decisamente all’altezza, crescono le percentuali delle statistiche di Lega che vedono a livello di squadra Sora come la compagine meno bloccata sulla rete.
A livello individuale, invece, Hiosvany Salgado è il primatista nel suo ruolo con 72 punti totali realizzati in 29 set giocati, di cui 9 ace e 15 block. Il “muratore” più temibile della Globo è Tomassetti, con ben 22 realizzazioni. (Carla De Caris – Ufficio Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora)

Foto di Claudia Di Lollo

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni