Atuttapagina.it

Sanità, pronti i nuovi direttori generali

Entro la prossima settimana la nomina di dieci nuovi direttori generali di Asl e ospedali per sostituire quelli a cui scade il contratto.
Ci saranno persone più giovani, un maggior numero di donne e potranno essere selezionati anche professionisti provenienti da altre regioni.
Sono 581 gli idonei che hanno diritto ad essere nominati direttori generali di Asl e ospedali. La Regione sta portando avanti questo percorso insieme all’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali.
La Commissione ha presentato una short list di 50 nomi da cui potranno essere selezionati i nuovi direttori generali.
La lista è composta da 36 uomini e 14 donne. Di questi, 21 provengono dal Lazio e 29 da altre regioni.
Entro la prossima settimana si procederà con la nomina dei primi dieci direttori, che andranno a sostituire quelli a cui sta per scadere il contratto.
L’obiettivo è quello di abbassare l’età media dei direttori generali, che attualmente supera i 64 anni. L’età media dei professionisti selezionati all’interno della short list è di 54 anni.
Oggi, su un totale di 24 direttori generali, c’è solo una donna. Aumentare la presenza femminile all’interno della squadra è un altro degli obiettivi di rinnovamento della Regione.
Al fine di scegliere i migliori manager d’Italia, la Regione è aperta anche ad accogliere professionalità provenienti da altre regioni.
«Questo è un passaggio importante – ha detto il presidente, Nicola Zingaretti -. Chiudiamo la stagione della spartizione politica di poltrone. Basta inciuci e basta accordi. Le nomine saranno effettuate caso per caso, in base alla tipologia di struttura da dirigere».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni