Atuttapagina.it

Sei di Frosinone se, ironia e amarcord su Facebook

Appena giovedì scorso era stato dato il giusto risalto ad un’iniziativa che in poche ore aveva contagiato circa un migliaio di utenti su Facebook. A distanza di una manciata di giorni il fenomeno ha assunto proporzioni straordinarie e quei mille nel frattempo sono diventati 10.000.
Il gruppo “Sei di Frosinone se”, creato sul celebre social network dallo scrittore frusinate Alessandro Vigliani, ha contagiato in breve tempo tantissimi frusinati, oltre a coloro che sono attratti dalla cultura e dalle tradizioni del capoluogo. Nel gruppo c’è voglia di partecipazione e di condivisione, lo si può toccare con mano ad ogni post, che nel frattempo sono diventati diverse decine di migliaia. Su “Sei di Frosinone se” bisogna completare la frase scrivendo per quale motivo si è legati alla città. L’ironia – cinica e anche un po’ feroce dei frusinati – la fa da padrona, ma non mancano le frasi più profonde che magari ricordano qualche personaggio che non c’è più. E tanti sono anche i riferimenti ai luoghi dell’infanzia e dell’adolescenza che, crescendo, non vengono più frequentati. “Sei di Frosinone se” è diventato un luogo per certi aspetti romantico, dove si ricorda il passato con affetto.
Il gruppo testimonia, inoltre, che Frosinone non è una città morta, che i frusinati hanno voglia di stare insieme – anche se in questo caso virtualmente – e che c’è un certo fermento nel capoluogo. E gli amministratori del gruppo sono pronti a dar vita a importanti iniziative che esaltino il successo di “Sei di Frosinone se”. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni