Atuttapagina.it

Globo Sora, il carattere delle seconde linee

Con una formazione d’emergenza e una rosa ridotta a dieci atleti la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora esce dal PalaBrillia di Corigliano con una sudata e meritata vittoria per 3-1.
Contro il Caffè Aiello Sora chiude una bella gara da tre punti che le permette di interrompere la sua mini serie negativa e di mantenere il vantaggio sulla diretta inseguitrice, e prossima avversaria, Matera, che nonostante la vittoria per 3-0 nello scontro diretto con Ortona resta a meno quattro punti.
Dall’altra parte della rete la sconfitta fa segnare il sesto turno di stop per Corigliano, che non muove la classifica e non torna a far sorridere i “mille del Brillia” davanti alle telecamere di RaiSport 2, che comunque nei quattro set del match si sono divertiti tantissimo.
Con capitan Daldello ancora out per via dell’infiammazione all’avambraccio sinistro, Tamburo a mezzo servizio con la caviglia non in perfetta stabilità e Cittadino alle prese con un virus intestinale che lo attanaglia da una settimana, coach Fenoglio e il resto dei suoi ragazzi hanno dato alla gara tutto quello che hanno potuto, su un campo non facile e contro un avversario agguerritissimo, in cerca della spinta giusta per affrontare al meglio i play off dopo che il campionato non gli ha reso giustizia. Alla fine il sestetto ospite ha avuto più sete di riscatto e determinazione nel momento chiave, imprimendo quell’accelerata che l’ha portato alla vittoria della nona giornata del girone di ritorno.
Allo starting players mister Totire propone la diagonale Fabroni-Williams, capitan Tomasello e Bortolozzo in posto 3, Borgogno e Santucci in banda e Rivan libero. Dall’altra parte della rete coach Fenoglio schiera nel suo rettangolo di gioco Beccaro in cabina di regia opposto a Gradi, Salgado e Tomassetti al centro, Fiore e Casarin in posto 4 e Rizzo libero. La guida tecnica sorana, inoltre, sfrutta per la prima volta la “regola Under 23” che ha previsto le sostituzioni illimitate tra gli schiacciatori Casarin e Bonami.
Il match è aperto dalla battuta di Casarin, con Fiore e Gradi che prendono subito il comando della rete per l’1-6 chiuso dal muro a uno dello schiacciatore tarantino ai danni dell’opposto australiano. Santucci prova a interrompere la serie positiva ospite, ma Tomassetti e Casarin allungano ancora il passo sul +6 del 3-9. Comincia a carburare Corigliano, spinto dalle giocate del suo palleggiatore Fabroni con le quali Borgogno e Bortolozzo rosicchiano punti fino al 9-12 del technical time out. L’ace di Bortolozzo riporta sotto prepotentemente i suoi (11-12), ma Salgado e Gradi continuano a far viaggiare veloce la Globo per il nuovo vantaggio del 12-15. Ancora mini break positivo di 0-3 guidato dall’ace di Fiore per l’allungo del 13-18. Interrompe il gioco mister Totire e al rientro in campo Fabroni risponde con la stessa moneta dai nove metri, riportando nuovamente sotto i calabresi fino al 16-19. Due giocate d’astuzia di Gradi fanno scappare Sora sul 16-21, ma Corigliano rincorre bene, prima con l’ace di Borgogno che vale il 18-21 e poi con Williams e un buon lavoro del muro per la prima parità del set del 22-22. Coach Fenoglio utilizza entrambi i time out discrezionali a sua disposizione e Fiore e Gradi, sfondando il muro a tre avversario, regalano ai suoi due match ball. Chiude immediatamente Tomassetti tirando un rigore, mettendo a terra un attacco di prima intenzione su ricezione lunga che vale il 22-25 e il vantaggio di 0-1 in fatto di conteggio set.
Con il muro di Gradi ai danni di Santucci la Globo apre 0-2 il secondo parziale che si mostra però più equilibrato rispetto al precedente. Infatti capitan Tomasello pareggia subito i conti e Williams porta i suoi un passo avanti sul 4-3. Procede punto a punto il set fino al 7-7 firmato da Casarin, quando Fiore e Salgado fanno alzare la testa ai loro compagni portandoli sul 7-9. Gradi lavora bene mantenendo strette le lunghezze di vantaggio e Tomassetti fa suonare la sirena dello stop obbligatorio. 13-15 e Borgogno si guadagna il cambio palla e poi va in battuta dove mette a segno l’ace della nuova parità (15-15). Mister Fenoglio manda in campo Verissimo al posto di Casarin, il quale interrompe subito la serie positiva avversaria con una giocata astuta sulla mano esterna del muro. Il block a uno di Fiore a bloccare le intenzioni di Williams fa segnare sul tabellone il nuovo vantaggio del 16-18. Ancora nelle mani di Bortolozzo il nuovo cambio palla locale e in quelle di Williams l’aggancio e il sorpasso del 20-18. Coach Fenoglio richiama i suoi ragazzi in panchina e al rientro in campo è parità con Salgado e Fiore per il 20-20. Williams e Tomassetti per il 21-21, ma poi ci mette un grande braccio Santucci per l’accelerata del 23-21. Si affida ancora al suo centrale il regista Beccaro e Tomassetti non lo delude per il 23-22, ma Fabroni mura le intenzioni di Verissimo e subito dopo proprio Beccaro commette l’ingenuità che vale il 25-22 calabrese.
1-1 in fatto di conteggio set e squadre che tornano in campo con la stessa concentrazione e voglia di fare bene. Con i centrali in grande spolvero e Fiore a muro su Williams Sora è avanti 2-4 e 4-6. Il muro out su Santucci riporta la battuta nella metà campo coriglianese e i due falli sorani le regalano l’aggancio e il sorpasso del 7-6. Galleggia il punteggio fino al 10-9, ma ancora qualche errore di troppo tra le fila di Beccaro e compagni permette al Caffè Aiello di arrivare al technical time out con tre lunghezze di vantaggio: 12-9. Con Tomassetti e Gradi la Globo rosicchia punti importanti fino al 16-15, quando la battuta di Fabroni torna a fare danni per il nuovo allungo del 19-15. Il centrale Salgado mura il suo pari ruolo Bortolozzo per il cambio palla del 20-18, aprendo una serie positiva per i suoi che con un parziale di 5-0, figlio di un punto di bagher di Casarin e un muro granitico di Gradi su Santucci, porta Sora al vantaggio del 20-22. Con una azione rocambolesca Corigliano ferma la cavalcata avversaria, ma solo momentaneamente, perché Gradi sale in cattedra mettendo a segno un prepotente diagonale e poi giocando astutamente sulle mani del muro per il 21-24. Tomassetti mura out l’attacco dell’amico Tomasello, Fenoglio interrompe il gioco istruendo bene i suoi che al rientro in campo proprio con il centrale romano archiviano il set sul 22-25.
Torna così a condurre la gara la Globo e lo fa anche nella prima parte del quarto game, mettendo in difficoltà l’avversario con una battuta velenosa. L’ace di Salgado vale l’1-3, quello di Fiore il 3-6 e l’altro di Tomassetti il 4-8. Mister Totire ferma il gioco, ma Sora non concede nulla e con Gradi è 5-10. Due belle giocate di Bortolozzo ridanno ossigeno al Caffè Aiello, ma Casarin e Salgado a tutto fuoco fanno suonare la sirena dello stop obbligatorio sul 9-12. Gli errori fanno salire il tabellone sul 14-14 e i muri di entrambe le prime linee sul 15-15. Salgado e Bortolozzo per il 17-17 e la pipe di Borgogno e il diagonale di Gradi per il 19-19. Un implacabile Gradi porta i suoi avanti 21-22, ma dall’altra parte della rete lo emula l’opposto Williams che tiene prepotentemente i suoi nel set e nel match con il 23-22. Fiore rimette tutto in parità (23-23) e Borgogno attacca out la parallela che vale il match ball per Sora, ma Tomasello a muro su Casarin rimanda tutto ai vantaggi: 24-24. Gradi per il 24-25, ma Borgogno mette a segno una doppietta per il 26-25. Ancora Gradi e Bortolozzo per il 27-26. Arriva l’errore al servizio di Borgogno e l’attacco dal centro di Salgado per il 27-28. È lui ora il padrone della rete e del match, Hiosvany Salgado, che con un granitico muro su Santucci archivia il set sul 27-29 e la gara sull’1-3. (Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora)

CAFFE’ AIELLO CORIGLIANO – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 1-3
CAFFE’ AIELLO CORIGLIANO: Fabroni 4, Williams 23, Borgogno 13, Santucci 12, Tomasello (K) 10, Bortolozzo 11, Rivan (L), Casciaro (L), Cernic, Tosi, Galaverna n.e., Festi n.e., Russo n.e.. I allenatore: Totire. II allenatore: Porro. B/S 13, B/V 5, muri 10.
GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Beccaro, Gradi 24, Salgado 14, Tomassetti 11, Fiore 15, Casarin 10, Verissimo, Rizzo (L), Bonami, Tamburo, Cittadino n.e.. I allenatore: Fenoglio. II allenatore: Colucci. B/S 6, B/V 4, muri 10.
Arbitri: Pozzi, Guarneri.
Parziali: 22-25; 25-22; 22-25; 27-29.

Foto di Claudia Di Lollo

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni