Atuttapagina.it

L’ascolto dell’opera lirica al centro di Convivium

Che cos’è l’opera lirica? Cosa racchiude? Perché genera tanto pathos, sprigionando le emozioni più disparate tra gli spettatori? Sono domande che sicuramente non tutti si sono posti, forse neanche i più viscerali amanti di quest’arte teatrale. Gli amici di Convivium cercheranno di rispondere a tutte queste domande grazie alla partecipazione di uno dei maggiori esperti in materia. Sabato a partire dalle 19:30, infatti, presso l’ormai storica location dell’hotel Best Western Fiuggi Terme, il Maestro Francesco Arturo Saponaro sarà relatore d’eccezione con il compito di introdurre e accompagnare i “convivianti” nel mondo dell’opera lirica. “Come si ascolta l’opera lirica; Otello, da Shakespeare a Verdi”, questo il titolo del 36° evento che certamente riscuoterà come sempre enorme successo. Sarà interessante capire quanto spazio ci sia oggi per l’opera lirica, nel teatro contemporaneo. In molti credono che sia un tipo di spettacolo obsoleto e sorpassato, alcuni addirittura defunto. Il Maestro Saponaro interverrà proprio per fugare ogni tipo di dubbio e creare una sorta di piccolo affresco di quest’arte senza tempo. Un altro appuntamento da non perdere con gli amici di sempre dell’associazione Convivium. Per attenersi scrupolosamente al programma di rito la serata sarà dolcemente allietata dai gustosissimi piatti preparati con la consueta maestria dagli chef del “Fiuggi Terme”.
Francesco Arturo Saponaro è nato a Napoli da una famiglia di artisti. Ha compiuto gli studi classici – laureandosi in Lettere Moderne presso l’Università Sapienza di Roma – coltivando contemporaneamente gli studi musicali. Dopo la laurea ha seguito un corso di specializzazione in Musica del Medioevo e del Rinascimento, presso la Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona (Università di Pavia).
Svolge attività di critico musicale e di musicologo. È conosciuto e accreditato presso i principali teatri ed enti musicali, festival, uffici stampa. È iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti e all’Associazione Nazionale Critici Musicali.
Per molti anni è stato docente di ruolo, per l’insegnamento di Storia della musica, nel Conservatorio Licinio Refice di Frosinone. Nell’anno accademico 1995-96 è stato eletto Direttore dello stesso Conservatorio. In seguito ha continuato a svolgere lo stesso incarico per dodici anni, fino al termine della carriera, grazie a successivi mandati conferitigli con largo suffragio dal corpo docente.
Produce un’intensa attività nel campo del giornalismo musicale, scrivendo su Amadeus, Liberal, Classic Voice, Il Giornale della Musica, Reporter, Syrinx, I Fiati e altre testate. Ha lavorato in Rai per le tre reti radiofoniche – RadioTre (Il Concerto del mattino), RadioDue (Il fascino discreto della melodia) – nonché per RaiUno, conducendo innumerevoli programmi musicali, e per il Tg1 in rubriche musicali. Molte volte ha condotto in diretta la trasmissione radiofonica di opere liriche dai principali teatri. Ha collaborato con le Orchestre Sinfoniche della Rai, con i Concerti da Camera di RadioUno, con fondazioni liriche quali l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, il Teatro di San Carlo in Napoli, il Teatro Lirico di Cagliari, il Teatro Vincenzo Bellini di Catania. Oltre che di critica musicale, si occupa da anni, sul piano giornalistico, di problemi relativi alle istituzioni della musica e alla relativa legislazione, nonché di vari aspetti riguardanti l’attualità della vita musicale italiana.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni