Atuttapagina.it

2.600 esodati a Frosinone, l’allarme di A.S.La Cobas

Un 2014 amaro per i disoccupati residenti nel Lazio, e a Frosinone in particolare, nello status di aventi diritto ai sussidi in mobilità in deroga.
I sussidi non sono arrivati e nemmeno la proroga per il 2014. Ancora una volta molti ritengono, a ragione, di essere stati beffati dalle Istituzioni.
Lo scorso mercoledì la Regione Lazio e CGIL, CISL e UIL hanno sottoscritto l’accordo quadro per prorogare solo la Cig in deroga fino a giugno, escludendo la mobilità in deroga, unico ammortizzatore sociale utile per il raggiungimento dei requisiti pensionistici per circa 2.600 esodati residenti a Frosinone. La mobilità in deroga rimane sospesa al 31 ottobre 2013.
La Regione Lazio attribuisce le responsabilità al governo centrale. Dal canto suo l’esecutivo fa sapere che interverrà presto per cercare di risolvere il problema. Ripercorriamo intanto la vicenda che vede coinvolti molte migliaia di lavoratori e di lavoratrici.
Tanti attendevano, dal mese di ottobre 2013, che venisse loro saldato anche solo un piccolo anticipo delle somme spettanti e prorogata la mobilità in deroga per novembre e dicembre 2013 e per l’anno 2014. Tutte le Regioni hanno prorogato la mobilità fino a giugno, tranne il Lazio.
Nel frattempo i lavoratori che hanno beneficiato della mobilità in deroga fino a ottobre 2013 non ricevono il pagamento da maggio 2013.
A.S.La COBAS il 31 marzo scorso ha avuto un incontro con il dottor Patrizio Caligiuri, segretario dell’assessore regionale al Lavoro onorevole Lucia Valente, per chiedere di sollecitare l’Inps al pagamento delle mobilità da maggio a ottobre 2013 e la proroga per il 2014.
Una richiesta che purtroppo non viene avanzata dai Sindacati confederali, i quali, benché quotidianamente parlano di ammortizzatori sociali, hanno praticamente abbandonato i disoccupati e soprattutto gli esodati.
Infatti moltissimi lavoratori che beneficiavano della mobilità in deroga sono gli esodati che da quest’anno, oltre a non avere il lavoro e non poter accedere alla pensione, sono rimasti pure senza mobilità in deroga.
Il Governo insiste: «Il problema è che non sono stati previsti finanziamenti per le annualità successive». A tal proposito esiste una norma pubblicata anche nel sito del Ministero degli Affari regionali: «La norma che autorizza ad anticipare agli aventi diritto cassa integrazione e mobilità, anche tramite apposita convenzione con il competente istituto previdenziale, non essendo limitata all’esercizio finanziario 2013, determina oneri a carico del bilancio regionale per gli anni successivi al 2013 privi di idonea copertura, in contrasto con la Costituzione».
Insomma, tutta questa vicenda ha dell’incredibile. Un 2013 concluso nel peggiore dei modi e un 2014 che non fa presagire nulla di buono. (A.S.La COBAS Frosinone)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni