Atuttapagina.it

70 anni dalla guerra, il ricordo di Colle San Magno

Con lo spettacolare concerto del Gruppo di Ottoni della Banda dell’Esercito italiano il Comune di Colle San Magno ha concluso la tre giorni del ricordo del 70° anniversario della guerra e delle battaglie di Cassino.
La chiesa di San Magno, affollatissima di personalità e semplici cittadini, ha ospitato l’importante formazione musicale che ha strappato applausi e apprezzamenti. A presentare la serata il giornalista Fernando Riccardi, mentre ad introdurre i brani musicali Fabio Angelo Colajanni.
Presenti nelle prime file, ad assistere al concerto, oltre al sindaco Antonio Di Nota e ai rappresentanti della locale amministrazione, il Prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli, l’ambasciatore neozelandese in Italia, Trevor Donald Matheson, la senatrice Maria Spilabotte, il commissario straordinario della Provincia di Frosinone Giuseppe Patrizi, i rappresentanti delle forze armate, esercito, aeronautica, dei carabinieri, vigili del fuoco, i sindaci del comprensorio, in particolare dell’Unione Cinquecittà, Domenco Iacovella di Piedimonte San Germano, Libero Mazzaroppi di Aquino, il vicesindaco di Villa Santa Lucia, Tommaso Nardoianni, e di Roccasecca, Carmine Guerino Torriero. Così come il primo cittadino di Colfelice, Bernardo Donfrancesco.
Il concerto è stato preceduto da una toccante cerimonia con gli onori civili e militari ai due monumenti ai caduti presenti in paese.
Nelle parole del sindaco Antonio Di Nota la soddisfazione per quanto vissuto dal paese in questi tre giorni del ricordo: «Una tre giorni straordinaria per il nostro paese. Una tre giorni dedicata all’omaggio della nostra storia e dei tanti cittadini che hanno sofferto e ricostruito questo paese. Ricordare e celebrare è importante, se dagli errori e dalle lezioni del passato si impara si capisce finalmente che le guerre, le discriminazioni vanno definitivamente rimosse dalla dialettica dei rapporti umani. Sostituita tale modalità col valore del reciproco riconoscimento e della reciproca accettazione, non distinta dalla mutua collaborazione. Grazie a tutti per la presenza e soprattutto grazie a coloro che si sono impegnati per la buona riuscita delle manifestazioni».
Apprezzamenti alle manifestazioni dal Prefetto Zarrilli, che ha elogiato la locale amministrazione, un piccolo paese che ha voluto investire in cultura. Conclusione affidata al commissario straordinario della Provincia Giuseppe Patrizi: «Colle San Magno con queste straordinarie manifestazioni è la testimonianza più viva del fervore e delle capacità che animano il nostro territorio. E’ fondamentale investire in memoria, soprattutto quando si tratta della memoria della guerra. Al sindaco, all’amministrazione vanno i miei complimenti e la rinnovata disponibilità a collaborare».
Oltre al concerto, nei giorni precedenti si è tenuto un importante convegno dal titolo “Colle San Magno a 70 anni dalla guerra”, in cui è stato presentato il lavoro del professor Francesco Di Murro, “Per non dimenticare”. Non solo, hanno arricchito le giornate proiezioni di video, passeggiate di ecostoria al rifugio di Fossosocuro, mostre fotografiche e raccolte di testimonianze da parte degli alunni della locale scuola elementare e l’apertura straordinaria del Museo Vivo della Memoria, di cui è online il sito www.museovivodellamemoria.it.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni