Atuttapagina.it

Veroli “passeggia” su Trieste, play-off più vicini

Veroli fa in pieno il suo dovere liquidando sui legni di via Casaleno Trieste nella terzultima giornata di Adecco Gold. Un successo di larghe proporzioni e meritato quello della formazione di Ramondino, sempre avanti nel punteggio. Due punti chiave in ottica play off, con quel settimo posto che continua ad essere ancora l’obiettivo finale della Gzc. Parte bene Veroli, i giallorossi con un Samuels in grande spolvero prendono subito il largo nei confronti di Trieste, sorpresa dall’avvio fulminante della GZC. Le due squadre si affrontano a viso aperto senza troppi tatticismi, tutto a vantaggio dello spettacolo. Casella mostra i progressi intravisti già a Jesi, confermando il suo buon momento. Un’arma in più per coach Ramondino in questo rush finale. Il primo quarto è tutto di marca giallorossa. La squadra di Ramondino va al primo mini riposo avanti di 9 lunghezze: 24-15. Al rientro sul parquet è ancora Veroli a comandare le operazioni di gioco, Trieste prova a rimanere a galla ma la Gzc sembra avere una marcia in più. La formazione di Ramondino allunga sino al +11 (29-18 al 13′), con Trieste che nulla può per mettere a freno la voglia di vincere dei giallorossi. La partita viaggia sugli stessi binari del primo quarto, anche se Trieste prova a metterci almeno quella cattiveria venuta meno nei dieci minuti iniziali. Veroli non ne risente affatto, però, perché continua a macinare il suo gioco fatto di controllo del ritmo quando serve e accelerazioni improvvise che schiantano la difesa di Trieste. Sull’ultimo giro di orologio il punteggio è saldamente nelle mani di Veroli: 38-30 al 19′. L’antisportivo fischiato a Diliegro su Samuels consente addirittura di andare al riposo lungo avanti di 10 lunghezze: 42-32. Al rientro dagli spogliatoi Veroli ipoteca la vittoria piazzando un break terrificante di 10-0 che taglia le gambe a Trieste. Casella dalla linea dei 6 e 75 è devastante, Samuels continua il suo show personale sotto canestro e la partita sembra ormai indirizzata: 52-32 al 22′. Trieste è incapace di reagire: in attacco raccoglie solo le briciole (appena 4 punti in oltre 8 minuti di gioco nel terzo parziale), mentre in difesa continua a subire la furia delle bocche da fuoco giallorosse. Cittadini (20 alla fine) sotto canestro e Casella (21 per lui) appaiono a tratti insormontabili per la difesa di Trieste e la Gzc vola addirittura sul +32 (68-36) a 100 secondi dalla terza sirena del match. A fine terzo quarto è 70-40. Gli ultimi dieci minuti sono pura e semplice accademia per Veroli, che chiude il match in scioltezza senza ulteriori affanni. Finisce 89 a 65 tra gli applausi del palas. Una vittoria che lancia la Gzc al settimo posto solitario in classifica, che stacca Ferentino sconfitta a Napoli e Brescia caduta rovinosamente a Verona e che addirittura accorcia su Barcellona, sesta, ora con appena due punti di vantaggio. E alla ripresa dopo la sosta pasquale la formazione dell’ex giemme Riva renderà visita proprio a Veroli. Una domenica così era difficile da immaginare. Ma ora c’è lo scoglio Imola da superare. (Gianluca Bucci – Ufficio Stampa Basket Veroli)

GZC VEROLI: Sanders 4, Cittadini 20, Rossi 7, Tomassini 7, Samuels 16, Ondo Mengue 5, Blizzard 5, Casella 21, Fabiani ne, Carenza 4. Allenatore: Ramondino.
PALLACANESTRO TRIESTE: Fossati ne, Tonut 12, Harris 24, Ruzzier 4, Coronica, Diliegro 6, Carra 8, Urbani, Wood 11, Norbeda ne. Allenatore: Dalmasson.
Arbitri: Attard, Caforio, Cappati.
Spettatori: 1620.
Parziali: 24-15, 42-32, 70-40, 89-65.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni