Atuttapagina.it

Daniel Ciofani, il bomber che ha fatto la differenza

Daniel Ciofani Martina TerrinoniSembra ieri quando Marco Giannitti, appena ufficializzato nel ruolo di nuovo direttore sportivo giallazzurro, si presentò con una dichiarazione “importante”, nel senso che il neo dirigente canarino uscì allo scoperto e non fece “zero a zero”, per usare un’espressione mutuata proprio dal calcio. Il diesse dichiarò che, analizzando il rendimento del Frosinone nella stagione precedente, il limite più evidente risiedeva nella mancanza di un giocatore che andasse a segno con regolarità. Giannitti, quindi, si presentò con un botto di mercato: l’ingaggio di Daniel Ciofani, giunto in Ciociaria grazie ai buoni uffici presso il Parma, società che deteneva il cartellino del giocatore.
E quel tassello inserito nel mosaico giallazzurro ha fatto la differenza. In certe categorie, ma vale anche per la Serie A, la presenza di un bomber capace di togliere le famose castagne dal fuoco diventa fondamentale all’interno di una squadra. Daniel ha fatto gol a grappoli: sedici in campionato e uno nei play-off. Il Frosinone non aveva un cecchino del genere da anni e la promozione in Serie B è passata anche attraverso i piedi – e la testa – di Ciofani.
La società ha, inoltre, avuto il merito di riscattare l’intero cartellino di Daniel lo scorso gennaio, mettendo a segno un’operazione di notevole lungimiranza, anche nel caso in cui a fine stagione le cose fossero andate male. E, invece, l’annata giallazzurra si è conclusa nel migliore dei modi e oggi il Frosinone si trova ad avere un centravanti che anche in Serie B può essere decisivo.

Foto di Martina Terrinoni

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni