Atuttapagina.it

Le Invasioni Creative puntano su Frosinone

Iaia ForteNon solo “Teatro tra le porte” o “Festival Nazionale dei Conservatori”, ma anche il Festival “Regione Invasioni Creative”, organizzato dal Comune di Frosinone in collaborazione con Regione Lazio e Atcl. Il 2 luglio alle 21:15, in piazzale Vittorio Veneto, Giancarlo Cauteruccio, affermato regista della compagnia Krypton, presenterà “Alla velocità della luce”, un’installazione video/laser concepita appositamente per la città di Frosinone, che è il debutto del Ric 2014, ma è anche il primo appuntamento del “Teatro tra le porte”. Dal 4 al 9 agosto sempre in piazzale Vittorio Veneto si alterneranno concerti e spettacoli teatrali: il 4 agosto aprirà Peppe Voltarelli, cantautore e attore italiano, con un concerto che ci farà vivere un viaggio musicale «serio e divertente». La serata del 5 agosto sarà interamente dedicata alle realtà del territorio frusinate con contributi di Teatro dell’Appeso, Compagnia Errare Persona e Luca Mauceri. Il 6 agosto la calda voce di Pietra Montecorvino riempirà con le sue vibrazioni la piazza. Il 7 sarà la volta di Elena Bucci con Barnum, il famoso circo inteso qui come bar dove incontrare passanti e affacciarsi sul disgregarsi del mondo d’Occidente. L’8 agosto Elena Arvigo propone Maternity Blues (From Medea), tratto dall’omonimo romanzo di Grazia Verasani. Chiudono il 9 agosto Gli Omini con un lavoro dal titolo Tappa, risultato di un periodo di permanenza tra le vie e la gente di Frosinone. Ogni giorno, quindi, dal 4 al 9 agosto la città sarà invasa da incursioni artistiche performative e musicali a cura di artisti e associazioni locali, tra cui Compagnia Errare Persona, Teatro Labrys, Spazio Disponibile, Compagnia DeMix. Le Invasioni Creative porteranno in scena una letterale invasione d’arti e di discipline in grado di parlare alle migliaia di persone che ogni sera affolleranno le piazze, le strade, i vicoli e i chiostri delle tre città (oltre Frosinone, anche Rieti e Latina), per lasciarsi coinvolgere in un’esperienza artistica multiforme. Il tentativo di affrontare e scandagliare l’attuale crisi economica e le sue ripercussioni nel panorama contemporaneo delle arti performative è la sorgente da cui trae origine questa seconda edizione del Festival Regione Invasioni Creative 2014. Quello che di fatto viene promosso, attraverso l’operazione di RIC 2014, è un primo passo verso un possibile “New Deal della cultura”, un’ipotesi per la creazione di nuove opportunità anche lavorative. A partire da una riflessione sull’infelicità, o meglio, sulla non-felicità dell’individuo contemporaneo, i tre Festival saranno veri e propri cantieri di creatività per delle città che cercano di reagire al disagio attraverso l’arte nelle sue molteplici declinazioni.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni