Atuttapagina.it

Stellone: avremo il sangue agli occhi

Stirpe Stellone Martina TerrinoniE’ per il Frosinone la partita più importante da parecchi anni a questa parte e, a livello personale, è la gara più ricca di significato nella ancor breve carriera di Roberto Stellone da allenatore. Deciso, carico, determinato, sicuro dei suoi giocatori e, per una questione scaramantica anche se lui non lo ammetterà mai, con la barba rasata. Il tecnico giallazzurro si è presentato in sala stampa con dei concetti molto chiari: è evidente che la squadra vista nella finale di andata lo ha rassicurato. «Quello che mi è piaciuto del Frosinone a Lecce è stata la voglia di rimediare allo svantaggio, i giocatori non si sono disuniti dopo il loro gol. E poi sia fisicamente che mentalmente siamo andati bene».
Il regolamento dei play-off non darà vantaggi al Frosinone, il pareggio non sarà sufficiente per conquistare la Serie B. E allora oggi al Matusa servirà la vittoria: «Dovremo avere il sangue agli occhi, bisognerà gettare l’anima in campo. Perché c’è una bella differenza tra giocare l’anno prossimo in Serie B e farlo ancora in Lega Pro». Stellone si aspetta che tutti diano una mano, compresi i tifosi: «Abbiamo visto quanto ci tenga la nostra gente, con la città colorata di giallazzurro». Sorride quando pronuncia quest’ultima parola, consapevole che qualche giornalista presente in sala stampa, compreso il sottoscritto, tiene a marcare la differenza tra l’esatto “giallazzurro” e l’errato “gialloblu”. Poi Stellone prosegue: «Tra la squadra in campo e i tifosi sugli spalti dobbiamo vincere la partita. Cosa ho chiesto ai miei giocatori? Determinazione e sacrificio. E voglia di vincere». Stellone si aspetta una gara giocata sul filo dell’equilibrio: «Abbiamo visto che all’andata nessuna delle due formazioni ha prevalso sull’altra nei duelli individuali, perché i valori si equivalgono. Saranno determinanti gli episodi. Come il Lecce ci conosce, a parte quando il loro allenatore “piange”, così noi conosciamo loro: siamo pronti». (Ga.Ma.)

Foto di Martina Terrinoni

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni