Atuttapagina.it

Regione, 12 milioni per l’artigianato

ArtigianatoParere favorevole per il nuovo testo unico dell’artigianato del Lazio. La proposta di legge, di iniziativa della Giunta Zingaretti, ha ottenuto martedì mattina il via libera – a maggioranza – dall’VIII commissione del Consiglio regionale, presieduta da Mario Ciarla.
«In questo modo – ha dichiarato Ciarla – la Regione Lazio semplifica le procedure, abolendo spese inutili per 2,4 milioni e investendo queste risorse in nuovi servizi a disposizione delle imprese artigianali in virtù del patrimonio enorme di conoscenze e tradizioni che esse rappresentano. E’ un’ottima notizia per il settore». «Nel Lazio – ha aggiunto il presidente, sempre a margine della seduta – ci sono circa 100 mila imprese artigiane, che pur avendo un enorme potenziale stanno vivendo una situazione difficile. Noi lavoriamo, invece, perché gli artigiani ricevano dalla Regione un concreto sostegno, sostegno che in commissione è venuto da tutti i gruppi politici, di maggioranza e opposizione, oltre che dalla Giunta nella persona dall’assessore Fabiani, che ha svolto un ottimo lavoro e si è dimostrato estremamente disponibile alle sollecitazioni e alle proposte di tutti i consiglieri».
Ha partecipato alla seduta l’assessore allo Sviluppo economico e Attività produttive Guido Fabiani, che al termine si è detto soddisfatto per il lavoro svolto e per la celerità. La proposta ha ricevuto diversi emendamenti, tanto di maggioranza che di minoranza, alcuni dei quali su suggerimento delle associazioni di settore.
Quattro gli obiettivi della normativa: riconoscere il valore economico, occupazionale e sociale dell’artigianato; sostenere la crescita e il consolidamento delle imprese attraverso una politica di sistema coadiuvata da fondi e risorse regionali e europee; semplificazione e di delegificazione e, infine, ridurre i costi e gli oneri finanziari per la Regione e le sue strutture. Per raggiungere questi risultati la Giunta ha già annunciato, nei giorni scorsi, circa 12 milioni di euro per il triennio 2014/2016.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni