Atuttapagina.it

Italia Alimentari, Patrizi: quanto successo a Paliano non può essere accettato

Italia Alimentari Provincia«La situazione che si è venuta a creare a Paliano – ha detto il commissario straordinario della Provincia di Frosinone, Giuseppe Patrizi, in merito alla vicenda dell’improvvisa chiusura dello stabilimento della Italia Alimentari -, nella sua evidente gravità dovuta a un comportamento certamente non consono a un grande gruppo industriale qual è quello proprietario dell’insediamento in questione, deve essere approfondita con la massima celerità. Per questo ringrazio il Prefetto Zarrilli che immediatamente ha voluto ascoltare i lavoratori e i loro rappresentanti per comprendere meglio quanto accaduto e partecipare attivamente, per quanto nei suoi Uffici. Ci troviamo di fronte a un caso che somma i gravissimi problemi della perdita di circa cinquanta posti di lavoro a circostanze che sfuggono, per gli elementi a nostra disposizione, alle regole, se non, addirittura, a qualsiasi logica. Il gruppo industriale titolare dello stabilimento di Paliano è di elevate dimensioni, impiega migliaia di lavoratori e risulta difficile comprendere come non sia stata trovata altra strada che la messa in mobilità di tutte le maestranze senza tentare almeno iniziative meno dolorose. Inoltre, si tratta di una realtà industriale che non ha mai manifestato problemi negli ultimi anni, che non ha mai fatto ricorso alla Cassa Integrazione per i lavoratori di Paliano e che, stando alle informazioni in nostro possesso, ha addirittura chiesto turni di straordinario nei mesi di giugno e luglio scorsi prima delle ferie per far fronte alle commesse. Riteniamo di dover approfondire la cosa anche per quanto riguarda l’improvviso trasferimento dei macchinari, verificando se in origine l’insediamento di Paliano abbia goduto di finanziamenti pubblici. Certamente non resteremo a guardare di fronte a una situazione che non può essere accettata e che deve essere denunciata nella sua assoluta gravità».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni