Atuttapagina.it

Ceccano ricorda Licinio Refice a 60 anni dalla morte

Ceccano Licinio ReficeFu un innovatore? Portò gli stilemi della lirica nel canto sacro? O fu obbediente nell’applicare le stringenti norme della chiesa tendenti ad evitare sconfinamenti tra i vari generi musicali? Fu influenzato dalle correnti di pensiero della prima metà del ‘900 o la sua formazione ecclesiastica lo tenne indenne dalle influenze del modernismo? E’ stata interessantissima la discussione tra il professor Marcello Carlino, professore di Letteratura italiana alla Sapienza e presidente del Conservatorio di Frosinone, e Padre Michele Colagiovanni, biografo di Licinio Refice, di cui l’11 settembre scorso ricorreva il 60° anniversario della morte, avvenuta a Rio de Janeiro mentre portava in tournée una delle sue opere più famose, Cecilia. Morì durante le prove del coro che cantava proprio l’invocazione di Cecilia: l’azzurro dei cieli entra in me. Refice fu molto famoso in vita, ricercatissimo: la sua musica ebbe come interpreti i più grandi musicisti del tempo, a cominciare da Arturo Toscanini che ne diresse molte opere. Poi, dopo la morte, il declino della fama: proprio la necessità di conoscerlo ancora di più ha spinto il Concentus Musicus Fabraternus Josquin Des Pres a promuovere un’azione scenica, curata da Mariagrazia Molinari, con l’esecuzione di diversi pezzi di Refice, sia per coro che per soli. L’azione scenica si è svolta nella Chiesa Collegiata di San Giovanni Battista a Ceccano l’11 settembre scorso, in cui si ricordava anche l’anniversario della tragica scomparsa di monsignor Antonio Piroli, che ne era stato parroco per 40 anni. I brani del repertorio di Refice erano affidati alle voci di Vittoria D’Annibale, soprano, Cinzia Cristofanilli, soprano, Mariagrazia Molinari, soprano, Fabiola Mastrogiacomo, mezzosoprano, Enrico Talocco, tenore, accompagnati dalla pianista Chiara Olmetti e dall’organista Alessandra Maura. Il  Coro era quello del Concentus Musicus Fabraternus Josquin Des Pres. La direzione di Mauro Gizzi.

Foto di Paolo Micheli

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni