Atuttapagina.it

Frosinone, due rumeni fermati per furto di rame

RameE’ lungo il curriculum criminale di due cittadini rumeni di trentadue e ventiquattro anni bloccati dalla Polizia all’interno di un capannone industriale della zona Asi di Frosinone, con precedenti specifici in particolare nei furti di rame.
Ad allertare una pattuglia delle Volanti il proprietario di un sito industriale specializzato nella produzione di materassi, che, arrivato presso la propria attività, ha sentito dei rumori sospetti provenire dall’interno dei locali.
L’uomo, che più volte in passato è stato vittima di furti di rame, non ha esitato a fermare una Volante che proprio in quel momento strava transitando lungo la strada adiacente alla sua azienda, allertando gli agenti sulla possibilità che dentro vi potessero essere dei ladri.
I poliziotti, dopo aver chiesto l’ausilio di un’altra pattuglia, nel perlustrare l’ampio perimetro del sito industriale hanno trovato una porta laterale d’ingresso forzata, confermando i sospetti espressi dal titolare.
Una volta dentro, gli agenti hanno individuato i due giovani rumeni mentre stavano armeggiando con una centralina elettrica, bloccandoli prima che potessero portare a compimento il loro piano.
Nei pressi della fabbrica gli agenti hanno ritrovato anche la macchina intestata ad uno dei pregiudicati, con il sedile posteriore completamente asportato con il chiaro intento di recuperare maggior spazio possibile per il trasporto della refurtiva.
Nell’abitacolo dell’auto è stata ritrovata una grande borsa contenente numerosi strumenti atti allo scasso.
Nella tarda serata di mercoledì ad essere denunciato dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico anche un distinto signore, di 56 anni, libero professionista, resosi responsabile di un furto alquanto singolare: in un supermercato, dopo aver riempito il carrello della spesa, ha asportato da uno scaffale una scatola contenente cerotti sottraendone il contenuto e gettandone l’involucro.
Il titolare dell’attività commerciale, avvertito del furto da una commessa, ha chiesto l’intervento di una Volante.
L’uomo ha negato l’accaduto, ma ad incastrarlo senza ombra di dubbio sono stati i filmati del sistema di videosorveglianza dell’esercizio commerciale, visionati dagli agenti.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni