Atuttapagina.it

Frosinone: giro di vite sulla frutta fuori dai negozi, i prodotti a non meno di dieci metri

FruttaNegli ultimi tempi, sulla base di una serie di indagini e controlli effettuati dal Comune di Frosinone, è stata ravvisata la necessità, per le mutate condizioni territoriali e per una maggiore efficienza di alcune disposizioni nel campo dell’igiene degli alimenti e delle bevande, di modificare e adeguare il regolamento di igiene e sanità ed in particolare gli articoli 84 “Requisiti degli esercizi di vendita e somministrazione di sostanze alimentari e bevande”, 91 “Conservazione della frutta e degli ortaggi” e integrare lo stesso articolo 91 con un nuovo comma.
È stato stabilito, ad esempio, che «i generi alimentari in vendita non contenuti in recipienti ermetici non possono essere esposti all’aperto e fuori del negozio» e che «per la manipolazione di generi sfusi devono adoperarsi particolari pinze, cucchiai, forchette».
Inoltre, «la frutta, i legumi, gli ortaggi e simili devono essere tenuti riparati, con mezzi idonei, dalla polvere e dalle mosche» ed «è vietato il loro collocamento o sulle strade o sui pavimenti dei negozi, spacci, mercati, luoghi di deposito o di vendita. È consentita l’esposizione e la vendita dei suddetti prodotti all’esterno» con le cautele sopra descritte «solo nel rispetto di una distanza minima dal confine della sede stradale di minimo 10 metri lineari». «Al fine, poi, di garantire la massima informazione al consumatore, la frutta, i legumi, gli ortaggi e simili esposti per la vendita debbono essere dotati di apposito cartello in cui siano indicati la provincia ed il comune in cui è stata effettuata la coltivazione».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni