Atuttapagina.it

Frosinone, Stellone: con il Bari senza paura

Frosinone Federico CasinelliIn questa stagione di Serie B è la squadra da battere. Il Bari ha cominciato il campionato con i favori del pronostico per la vittoria finale, forse anche più delle retrocesse dalla Serie A Catania e Bologna. E il Frosinone domani pomeriggio tornerà a respirare quell’atmosfera da sfide memorabili rimaste scritte nella storia recente del Matusa. Perché il Bari è un avversario che, per qualità della rosa, importanza della piazza e trascorsi nei massimi campionati, può essere considerato di un gradino superiore rispetto al Brescia e allo Spezia, affrontati finora dal Frosinone.
Roberto Stellone non sembra, però, soffrire di alcun timore reverenziale nei confronti della formazione pugliese, pur esprimendo la propria stima verso l’avversario di domani: «Il Bari è una squadra che merita il massimo rispetto, ma paura non ce n’è. Dovremo scendere in campo con lo stesso atteggiamento e la stessa determinazione messi in mostra contro il Brescia e lo Spezia». Il Matusa potrà essere un alleato importante. «La nostra squadra davanti al proprio pubblico ha sempre giocato le sue partite più belle». L’obiettivo, allora, sono i tre punti. «L’atteggiamento deve essere quello di provare a vincere la partita. Vogliamo riprenderci i punti lasciati a La Spezia».
Domani ci saranno delle novità di formazione, obbligate vista l’assenza di Zappino, Blanchard e Schiavi. «Qualcuno potrebbe rifiatare. Dobbiamo gestire le energie e le forze. Raffaele non è ancora disponibile. Chi lo sostituirà? Bertoncini non è al meglio neppure lui, quindi toccherà a Matteo Ciofani. Pigliacelli? E’ un ottimo portiere e un bravo ragazzo. Sono sereno sul suo debutto, così come lo è la squadra. Da parte mia e da parte dei suoi compagni Mirko gode della piena fiducia e stima».
Infine una richiesta nei confronti della stampa, che, forse, vuole essere anche un appello verso tutto l’ambiente. «Le prime due partite di campionato ci hanno fatto capire una cosa: in Serie B il Frosinone non sarà una squadra materasso. Ho chiesto alla squadra e lo chiedo adesso a voi giornalisti un po’ di equilibrio, sia nelle vittorie che nelle sconfitte».

Foto di Federico Casinelli

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni