Atuttapagina.it

Globo Sora, coach Soli: soddisfatto del mio gruppo

Globo Sora Fabio Soli Claudia Di LolloDomenica al PalaGlobo “Luca Polsinelli” la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora non ha potuto esordire nel suo vestito migliore, ma la vittoria al tie break sul Caffè Aiello Corigliano ha fatto capire e detto cose molto importanti sulla squadra, sui singoli e sulle potenzialità del gruppo.
A parlarne è un soddisfattissimo coach Fabio Soli, che è stato il primo a sapere che per quella importantissima gara avrebbe dovuto fare a meno del suo capitano Marco Fabroni per via di una distrazione del polpaccio procuratasi durante l’ultimo allenamento pre-gara. Nella sfortuna, però, Sora ha trovato un Marzola in più.
«Il discorso Fabroni è molto semplice e complesso allo stesso tempo – spiega la guida tecnica sorana -, nel senso che lui è un uomo davvero molto importante per questa squadra, sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista della presenza in campo. È il capitano oltre che il palleggiatore, quindi possiamo immaginare quanto possa essere complesso per un secondo palleggiatore venir catapultato in una partita che per giunta tutti sapevano essere molto importante. Come lo sapevo io, perché credo che Corigliano, assieme a Vibo, è sicuramente la miglior compagine di questo campionato. Vibo è un pochino indietro nella preparazione, mentre Corigliano sta giocando discretamente bene nonostante sia senza lo schiacciatore Hrazdira, dunque sapevamo benissimo che sarebbe stata una partita tosta come in effetti si è dimostrata. Bisogna fare i complimenti a Marco Marzola perché si è comportato al di sopra delle aspettative di tutti coloro che sono al di fuori della squadra. Io, invece, mi aspettavo da lui una buona prestazione, perché in allenamento stava palleggiando bene, però è anche vero che essere catapultato all’improvviso dentro una situazione del genere non è semplice. Lui non è più giovanissimo e ha esperienze in questo campionato, perciò è stato molto bravo. Ho apprezzato il suo mettersi subito a disposizione della squadra già dai primissimi momenti, e il suo giocare una pallavolo semplice ma molto efficace, per questo non posso altro che fargli i complimenti. Alla fine ha portato a casa un risultato che se ce l’avessero detto prima della partita forse qualcuno ci avrebbe messo la firma. Complimenti a lui, ma soprattutto alla squadra perché ha dimostrato in un momento di difficoltà come quello del quarto set di saper reagire, una caratteristica che dovremmo adottare sempre e che non tutte le squadre hanno, perciò sono molto contento del risultato e di come è venuto, sono contento per Marzola e in generale sono molto soddisfatto del mio gruppo».
L’esordio al PalaGlobo com’è stato?
«Mi è piaciuto tantissimo giocare in casa. È un ambiente molto familiare, con tanti bambini, e un pubblico così numeroso ci ha dato una mano non indifferente. Spalti così pieni in Serie A2 non è frequente vederli e sentirli, perciò sono doppiamente soddisfatto di aver portato a casa una bella vittoria davanti a un bel pubblico. Spero che ci sia continuità in questo rapporto-scambio di dare e avere e che, quindi, loro continuino a venire sempre più numerosi e a sostenerci per aiutarci a dare continuità al nostro offrire spettacolo, perché l’uno è la conseguenza dell’altro». (Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora)

 

Foto di Claudia Di Lollo

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni