Atuttapagina.it

A Frosinone fa tappa il progetto del Rotary legato alla disostruzione pediatrica

Rotary disostruzione vie aereeGiovedì, alle 16, “Chi salva un bambino salva il mondo intero” farà tappa all’auditorium “Paolo Colapietro” di Frosinone, accanto al Campo Coni, dopo aver suscitato l’interesse e una straordinaria partecipazione di pubblico nelle due sedute del corso che si sono svolte, la scorsa settimana, a Sora e durante l’appuntamento di qualche giorno fa a Cassino, al quale hanno preso parte Alessia e Lorenzo, i genitori del piccolo Francesco, morto soffocato da un hot dog acquistato al bistrot Ikea lo scorso marzo. Quattrocento persone a Sora in due giorni e duecento persone nella giornata del 17 novembre a Cassino hanno assistito alle appassionanti lezioni condotte dagli istruttori del centro di formazione Rewind che, attraverso una parte teorica e una successiva parte pratica, mediante la suddivisione dei partecipanti in “isole”, hanno insegnato agli astanti una serie di semplici manovre in grado, però, di salvare vite umane. Troppe, infatti, le vittime per ipossia derivante dall’’struzione delle vie aeree a seguito di ingestione di cibo. Anche nella nostra provincia. Eppure, il modo per evitare questi tragici incidenti esiste e “Chi salva un bambino salva il mondo intero” lo dimostra. Il progetto, voluto dai club Rotary di Frosinone, Cassino e Fiuggi, sostenuto dal Distretto Rotary 2080 e dalla Rotary Foundation che ne hanno riconosciuto la valenza umanitaria, è realizzato in collaborazione con Salvamento Academy e Rewind, sostenuto dall’Ambito Territoriale Provinciale di Frosinone dell’USR Lazio, già Provveditorato agli studi, e patrocinato dai Comuni di Frosinone, Cassino, Fiuggi e Sora. Genitori, insegnanti, operatori e quanti abbiano già frequentato un corso di disostruzione sono invitati a partecipare ai corsi, interamente gratuiti, che si terranno giovedì alle 16 a Frosinone e una settimana dopo a Fiuggi, alle 15, nelle aule dell’Istituto alberghiero “Michelangelo Buonarroti”. Il presidente del club di Frosinone Alberto Accinni e il referente del progetto – coordinato in collaborazione con Riccardo Mastrangeli – Valter Tersigni hanno invitato i cittadini alla più ampia partecipazione. «L’iniziativa sta riscuotendo un grandissimo successo: siamo orgogliosi di poter contribuire a diffondere la cultura della sicurezza e della prevenzione nella nostra provincia. Abbiamo assistito alle precedenti lezioni del progetto tenute dai bravissimi istruttori Rewind e possiamo dire che basta davvero poco per fare la differenza e per restituire il sorriso e la vita a un bambino, qualora dovessero essere messi in pericolo da un boccone di cibo andato di traverso o dall’ingestione accidentale di uno dei tanti oggetti con cui, in modo apparentemente innocuo, si viene a contatto nelle nostre case. L’importante è sapere come agire e farlo prontamente, mettendo in atto poche, semplicissime, operazioni».
Rotary disostruzione vie aeree1«L’obiettivo del Rotary – hanno concluso Accinni e Tersigni – è mettersi al servizio non solo di grandi cause umanitarie, ma anche del proprio territorio, perché le criticità, piccole o grandi, possano essere risolte. Le morti dovute ad ipossia non sono criticità: sono tragedie. Per questo vogliamo che non accadano più». (Ilaria Ferri – Ufficio Stampa Rotary Club Frosinone)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni