Atuttapagina.it

A Frosinone il teatro dei piccoli, in scena Cappuccetto Red

Cappuccetto RedImparare l’inglese divertendosi? È possibile, nella rivisitazione della celebre fiaba di Cappuccetto Rosso pensata da Matuta Teatro (spettacolo Off) per i bambini dai 3 agli 11 anni, che andrà in scena sabato all’auditorium “Paolo Colapietro” di Frosinone, alle 17:30, nell’ambito delle iniziative dell’Officina Culturale della Regione Lazio “Casa d’Arte” di Errare Persona. La Casa d’Arte vede insieme Comune di Frosinone, con la collaborazione di ATCL per il progetto Dominio Pubblico (con Teatro Argot e Teatro dell’Orologio di Roma), il Circuito di Teatri Off del Lazio e la cooperativa Creattive. Il bando dell’Assessorato alla cultura, relativo alle Officine Culturali, il più importante progetto della Regione relativo allo sviluppo della cultura e dello spettacolo dal vivo nei territori e nelle province, tra i propri obiettivi menzionava quello di contribuire «alla formazione del pubblico e alla crescita della conoscenza dei cittadini, in particolare dei giovani, dei linguaggi dello spettacolo dal vivo e delle diverse espressioni artistiche»: la meta sarà raggiunta da Errare Persona, compagnia vincitrice del bando, attraverso una programmazione ricchissima e articolata che coinvolgerà tutto il territorio e tutte le fasce d’età, con particolare attenzione – non era mai accaduto prima – ai giovanissimi.
L’ideazione di una rassegna dedicata interamente ai bambini e ai ragazzi è, infatti, un’innovazione assoluta nella storia del territorio del Frusinate.
“Cappuccetto Red” di Matuta Teatro è stato ideato da Julia Borretti; con Julia Borretti e Francesca Leonoro. Scene e luci di Jessica Fabrizi, regia di Titta Ceccano. Nella storia c’è una bambina, che tutti chiamano Cappuccetto Red per il colore della sua mantella. Un giorno la madre la manda a far visita alla nonna… C’è ancora qualcuno che non la conosce? La fiaba di Cappuccetto Rosso è la più nota, la più cara ai bambini. Questa versione decide di giocare con la lingua inglese: un piacevole e divertente pretesto per stimolare e accrescere l’interesse dei bambini per l’apprendimento di una nuova lingua. Matuta teatro nasce dall’incontro tra Julia Borretti e Titta Ceccano, che raccolgono l’eredità di un teatro artigianale difficilmente inquadrabile in confini di genere o etichette. Nella loro autoformazione incontrano il teatro di tradizione e il teatro di strada, l’Odin Teatret e Mamadou Dioume, Bogdanov e Monetta, Quartucci-Tatò e il Teatro Ippocampo, Marise Flach e Mario Barzaghi, Massimiliano Civica e Ilaria Drago, Enzo Moscato e Furio Scarpelli, in un rapporto continuo e necessario con la pluralità dei linguaggi della scena. Le loro produzioni appaiono in importanti festival e rassegne, ricevendo premi e riconoscimenti (Premio speciale della giuria al Festival 3×3, finalisti ad Argot Off 2012, Premio della Critica Teatro Rossini/Gioia del Colle al Festival VdA 2013, Premio della Critica e della Giuria – secondo premio – ad Ermo Colle 2013).

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni