Atuttapagina.it

Omicidio di Samanta Fava, condannato a 25 anni Antonio Cianfarani

Samanta FavaVenticinque anni di carcere, questa la condanna che la Corte d’Assise del Tribunale di Cassino ha emesso a carico di Antonio Cianfarani, l’uomo di Fontechiari condannato oggi per l’omicidio e l’occultamento di cadavere di Samanta Fava, la madre di Sora scomparsa nell’aprile del 2012 e ritrovata circa un anno dopo murata in una sacca di plastica all’interno di una intercapedine nella cantina del muratore. L’uomo, già da giugno, è in galera dopo che il cane molecolare della polizia che indagava sul caso ha fiutato la traccia all’interno della cantina, indicando agli operatori dove cercare.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni