Atuttapagina.it

Volley, Sora attraversa l’Italia per sfidare Cantù

Globo Sora Claudia Di LolloSarà la quinta giornata quella che la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora si prepara ad affrontare in trasferta al PalaParini di Cantù domani alle 18.
L’avversario è quello che abita nei ricordi più recenti e scottanti del pubblico volsco e di tutti i dirigenti e lo staff dell’Argos Volley, quello che pochi mesi fa nella semifinale dei play-off ha infranto tutte le ambizioni sorane, eliminandola dai giochi: la Cassa Rurale Cantù. Ma questa è storia e certamente domani i due club ne scriveranno un’altra pagina.
Alla Globo Banca Popolare del Frusinate Sora non resta che il tempo di rifinire gli ultimi dettagli tecnici prima di attraversare l’Italia per raggiungere la città brianzola, forte del suo secondo posto in classifica in coabitazione con Ortona, a una sola lunghezza di distanza dalle prime tre Vibo Valentia, Corigliano e Potenza Picena.
Parlando di Cantù coach Fabio Soli ha affermato: «Cantù è sicuramente un’ottima squadra e rispetto allo scorso campionato, dove ha fatto molto bene, si è rinforzata con un opposto di alto livello per la Serie A2 come Vincenzo Tamburo. In questo momento la Cassa Rurale non sta giocando la sua miglior pallavolo, ma è sicuramente sempre molto pericolosa grazie alle sue ottime individualità, soprattutto di posto quattro e due. Ha un buon palleggiatore che sa far viaggiare il pallone e grazie al quale riesce a mantenere un ottimo livello di cambio palla. Per cui noi dobbiamo stare molto attenti e cercare di mettere pressione fin da subito con la battuta per poter limitare il gioco del palleggiatore e poi cercare di giocare meglio la nostra pallavolo in cambio palla, soprattutto in attacco dove ultimamente non siamo riusciti a esprimerci al meglio. È lì che dobbiamo fare qualcosina in più: attaccare meglio e rendergli la vita difficile partendo da una buona battuta, questa è l’idea generale». (Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora)

Foto di Claudia Di Lollo

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni